NARDÒ – Foglia Manzillo sorride: “Sono strafelice e il bel gioco ci porterà lontano”

Complimenti al bel calcio offerto dal Toro anche dall'allenatore della Madrepietra Daunia, Alessandro Potenza

foglia-manzillo-antonio-ss

Foto: A. Foglia Manzillo (@SalentoSport.net)

È sorridente e fiero dei suoi Antonio Foglia Manzillo nel post partita di Nardò-Madrepietra Daunia. La convincente prova sciorinata dai granata e il risultato finale di 3-0 sono buone notizie e valgono il quarto successo consecutivo. “È stata una netta dimostrazione di maturità – nota subito in conferenza stampa Antonio Foglia Manzillo l’episodio dell’espulsione di Versienti, qualche mese addietro, ci avrebbe massacrato moralmente. E invece prima del rosso a Di Maio avevamo già raddoppiato. Abbiamo corso il rischio di compromettere la partita per colpa della stupidità del doppio giallo, invece nelle difficoltà abbiamo reagito. Non è stato facile: nel girone di ritorno nessuno ti regala più nulla. Sono strafelice per questa vittoria”.

“Anche all’andata – ricorda il tecnico del Toro – inanellammo un filotto tra Agropoli e Madrepietra, nel ritorno ci aggiungiamo anche i tre punti conquistati a Bisceglie. È una serie utile che ha un sapore diverso in quanto i risultati sono ampi e netti, all’andata furono tre 1-0. Vinciamo in maniera diversa, spesso senza subire gol: stiamo crescendo”.

Complimenti ai granata anche dall’allenatore della Madrepietra, Alessandro Potenza, che ha voluto congratularsi pubblicamento col collega Foglia Manzillo per il bel gioco offerto dai padroni di casa: “Solo il Trastevere è una squadra che gioca a calcio impostando la manovra da dietro – nota Foglia Manzillo – da sei partite noi ci stiamo esprimendo con tale filosofia che a mio avviso pagherà. Il gioco paga sempre. Speriamo che alla fine ciò si riveli un pregio e non un difetto”.

Per scelta tecnica Foglia Manzillo ha preferito Kyeremateng (autore di una doppietta e migliore in campo) a scapito di Ancora. Una scelta che ha dato i suoi frutti: “Tenere fuori Patierno, in questo momento, è impossibile. Kyeremateng a Bisceglie fu il migliore in campo, poi è stato squalificato. A Picerno ho scelto Ancora e ha fatto benissimo, ma non voglio perdere i calciatori e ho ritenuto che Kyeremateng non potesse stare fermo tre turni. Vedremo a Nocera: chi starà meglio, giocherà”.

Lorenzo FALANGONE
Nato 27 anni fa a Nardò. Dottore in Comunicazione e Giornalista pubblicista. Caporedattore di SalentoSport e reporter per PiazzaSalento. Premio "M. Campione" 2015 come miglior articolo sportivo di Puglia. Autore del libro "Per dirti ciao".

Articoli Correlati