NARDÒ – Fanuli, il presidente solo: “Non ce la faccio più ad andare avanti così”

Il presidente del Nardò, Maurizio Fanuli, esterna il proprio disappunto nei confronti di imprenditoria locale, comitati e Amministrazione comunale

fanuli-maurizio

Foto: M. Fanuli (@D. Nestola)

Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno |

C’è tanto rammarico nelle parole del presidente del Nardò, Maurizio Fanuli, per una situazione che sta divenendo oramai insostenibile e che egli stesso spiega: “Dal primo giorno che sono a Nardò insieme agli altri dirigenti, abbiamo fatto il massimo e continuiamo a farlo. Siamo sempre vigili sul mercato, facciamo fronte a grossi sacrifici, economici e personali, ma ci manca il sostegno della piazza. Martedì sera siamo rimasti in sede, sino a tardi, per contattare chi si era impegnato, anche in piccolo, a darci una mano, ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Questo ci lascia l’amaro in bocca”.

“Ero convinto che sarei riuscito a creare un sodalizio – prosegue Fanuli – più solido composto da 15-20 soci, al pari di altre società, ma questo sembra impossibile e non può pesare tutto sulle spalle di uno solo, questa per me è una sconfitta. Nei giorni del possibile ripescaggio in Lega Pro ho ricevuto tante promesse ma fino ad oggi non si è fatto avanti nessuno e non voglio sentirmi preso in giro. Dei vari comitati, imprenditori, aziende, una volta iniziato il cammino non ho visto nessuno, compresa l’Amministrazione comunale, sia quella precedente che quella attuale. Siamo andati incontro ai loro problemi, abbiamo anticipato le spese dell’utenza, senza però ricevere nulla, se non un rimandare a data da destinarsi”.

Le considerazioni di Fanuli sono cariche di affetto ma anche delusione: “Sono innamorato della piazza, dei tifosi, del Nardò Calcio, ho sempre mantenuto le promesse anche investendo più del dovuto e molto spesso, in cambio, ho ricevuto critiche. In queste tre stagioni abbiamo portato a Nardò oltre un centinaio di calciatori, alcuni anche con un passato importante o che dal Nardò, oggi, si ritrovano in Lega Pro. La nostra è stata un’attività calcistica seria: sicuramente abbiamo commesso qualche errore ma è stato fatto anche tanto di buono”.

“Nonostante una società e una squadra che si mantiene nelle zone alte della classifica – aggiunge Fanuli – noto anche minor pubblico sugli spalti, oltre al disinteresse dell’imprenditoria locale. Noi manterremo tutti i nostri impegni ma se ne prossimi mesi vedremo che la situazione non cambia a fine anno consegnerò la società a chi di dovere. Non mi sento più di sacrificare oltremodo le mie risorse. Sto facendo tutto questo per cosa? Il gruppo, la società, dove sono? Forse – conclude il presidente del Nardò – è arrivato il momento di esternare il mio disappunto”.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati