GALLIPOLI vs GROTTAGLIE – Sportillo risponde a Facecchia, Bongermino firma il ko giallorosso

Il derby sorride al Grottaglie. La settima giornata del girone H segna la prima caduta stagionale casalinga del Gallipoli di Volturo, che non vedeva violato il “Bianco” dall’ormai lontanissimo Gallipoli-Ostuni 0-1 del settembre 2013. I biancazzurri di Pizzonìa portano a casa tre punti sensatissimi e si confermano formazione da trasferta.

La partenza degli ospiti è una doccia gelata per il Gallo: trascorsi appena 40 secondi, Facecchia indovina un tiro cross con il mancino che bacia il palo alla sinistra di Costantino e si spegne in fondo al sacco. Pronti via, dunque, e uno a zero per il Grottaglie. Il gol stordisce i giallorossi e galvanizza i tarantini che al 9’ cercano il raddoppio con De Luca. La sua conclusione si spegne, però, a lato. Al minuto 11 i padroni di casa si fanno vedere dalle parti di Laghezza: traversone interessante di Rotunno, Tedesco in spaccata riesce solamente a deviare la sfera senza riuscire ad indirizzarla verso lo specchio. Al 16’ brillante giocata nello stretto di Bongermino e destro a giro dal limite dell’area che fa la barba al palo. Sul finale del tempo si scuote la formazione di Volturo, cercando il pari con insistenza: ci va vicino Volpicelli, bravo nel sovrastare nel gioco aereo Prete inzuccando con decisione ma sfortunato nel trovare sulla sua strada l’ottimo Laghezza. Ancora l’attaccante partenopeo potrebbe pareggiare i conti al 37’, questa volta sul suo colpo di testa è provvidenziale il salvataggio di Montenegro, appostato a pochi passi dalla linea di porta. Ma il gol è nell’aria ed il Gallipoli lo trova due minuti più tardi: Sportillo, di giustezza, incorna il cross scodellato dalla bandierina. Si va, così, al risposo sul punteggio di uno a uno.

Nella ripresa Casalino e compagni partono con un piglio diverso: dopo appena tre giri di lancetta Volpicelli regala al “Bianco” l’illusione del gol con una punizione magistrale sul fondo di un nulla. Al 5’ sempre l’ex Ostuni ci riprova, Laghezza controlla in due tempi; al 13’ Volpicelli si tramuta in assist man, servendo al centro dell’area un pallone d’oro per Casalino, l’impatto aereo del capitano con la sfera non è preciso e l’occasione sfuma. Al 17’ si fa vedere Mariano al tiro, la sua botta con il destro transita, però, alta sulla traversa. Il Grottaglie alleggerisce la pressione con Salvi al minuto 24: il destro del numero sette biancazzurro sfila fuori dallo specchio. Il Gallipoli sembra amministrare la gara senza particolari grattacapi, ma al 27’ i giallorossi si complicano la vita da soli. Una serie di disattenzioni, Casalino prima, Sportillo e Costantino poi, spianano la strada alla caparbietà di Bongermino che si tuffa in scivolata sulla sfera riuscendo ad indirizzarla verso la porta sguarnita: è il nuovo vantaggio per l’undici di Pizzonìa. Che potrebbe addirittura trovare la terza rete al 34’, ma Faccini conclude centralmente e Costantino risponde presente. Al 41’ Casalino si avventa su un pallone sporco e batte sotto misura, Laghezza è stratosferico nel respingere la sfera, negando il pareggio ai padroni di casa. In pieno recupero vivaci proteste giallorosse per un tocco di mano in area di rigore del Grottaglie: la signora Pirriatore, tuttavia, le vanifica comandando un calcio di punizione in favore degli ospiti per un offside segnalato dal secondo assistente.

Al triplice fischio finale tanta amarezza per il Gallipoli, consapevole di aver perso contro una diretta concorrente per la salvezza; applausi, invece, per un Grottaglie ordinato e cinico che si porta a quota sette punti in classifica.

Luigi ALEMANNO
Giornalista pubblicista dal 2011, vicedirettore di SalentoSport.net. Responsabile della redazione sportiva di Teleonda dal 2009 al 2012, corrispondente per Piazzasalento dal Comune di Gallipoli dal 2012 al 2014, responsabile della comunicazione per la S.S.D. Gallipoli Football 1909 Srl dal 2012 al 2015.

Articoli Correlati