Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: le squadre schierate in campo
copyright: Riccardo Sports P.S.

FASANO-NARDÒ – Il Toro passa anche al “Curlo”. Proteste biancazzurre contro l’arbitro

Il Nardò si aggiudica il derby col Fasano e rimane in scia di Casarano e Altamura, conservando il terzo posto in classifica.

Al “Curlo” i granata passano di misura ma i locali protestano per una rete annullata sull’1-2 che, a loro dire, avrebbe cambiato il corso della gara.

La prima chance della gara se la procura il Nardò con un tiro di D’Anna che impegna Lazar, il quale, poi si ripete, a breve, su Guadalupi. Nardò pericolosissimo all’11’ con un tentativo di Dambros che si spegne sul palo. Ma al 18′ i salentini passano: Russo sfrutta un errore in fase d’impostazione della difesa fasanese e serve il solissimo Gennari, abile a mettere dentro il pallone in scivolata. Il Fasano è alle corde e incassa anche il raddoppio granata: azione corale firmata da Guadalupi e D’Anna, palla in mezzo per Gentile che non ha problemi a mandare il pallone alle spalle di Lazar per la seconda volta. Il Fasano si scuote e reagisce con Losavio, pericoloso in un paio di occasioni, ma al riposo è 0-2.

La squadra di Ragno approccia meglio la ripresa e sfiora il tris con un tiro di Milli che spedisce il pallone sull’esterno della rete da posizione invitante. La replica biancazzurra è promossa da Ceccarini, il cui tiro a giro passa non distantissimo dal palo della porta di Viola. La partita si riapre al 12′: spunto di Calabria, servizio per Losavio, dimenticato dai difensori neritini, e palla alle spalle di Viola per l’1-2. Quattro altri minuti e il Fasano quasi afferra il pareggio: Battista manda il pallone in porta direttamente da corner, ma l’arbitro ravvede un fallo in attacco di un calciatore locale e il punteggio non si schioda. Passato il pericolo, il Nardò ruggisce nuovamente al 36′ e chiude la gara: azione Russo-D’Anna-Russo che, solo davanti a Lazar, insacca il terzo gol per il Toro. ma non è finita: al 41′ Viola non è definitivo nella respinta su un tiro di Renelus e Battista ne approfitta per il gol del 2-3. In zona recupero il Fasano si getta a capofitto in area granata ed è provvidenziale il salvataggio sulla linea del neo entrato Addae su un altro corner infido di Battista. Finisce 2-3 e il Nardò sale a quota 24, allungando la serie positiva a otto risultati utili (sei vittorie e due pareggi). Per il Fasano si accende la spia dell’allarme rosso: solo due punti nelle ultime sei partite.

Prossimo turno: Nardò-Gelbison e Angri-Fasano.

Dagli spogliatoi, Luca Tiozzo (all. Fasano): “Non capisco cosa abbia visto l’arbitro in occasione del gol annullato, perché se ha fischiato fallo sul portiere, si vede dalle immagini che, invece, doveva essere rigore per noi. A parte questo, nei primi 17 minuti abbiamo sbagliato tanto ma poi siamo stati bravi a rientrare in partita, purtroppo non è bastato”.

Nicola Ragno (all. Nardò): “Ottimo approccio alla gara, abbiamo cercato di non far giocare il Fasano, essendo bravi nel limitarla, anche se per due volte hanno riaperto la gara. Loro sono molto organizzati e faranno un campiomnato da medio-alta classifica. Per conto nostro, posso affermare che è stata una delle migliori prestazioni in trasferta. veniamo da tre vittorie consecutive e ciò vuol dire che stiamo costruendo la giusta mentalità partita dopo partita”.

IL TABELLINO

Fasano, stadio “V. Curlo”
domenica 26.11.2023, ore 14.30
Serie D/H 2023/24, giornata 13

FASANO-NARDÒ 2-3
RETI: 18′ pt Gennari (N), 20′ pt Gentile (N), 12′ st Losavio (F), 36′ st Russo (N), 41′ st Battista (F)

FASANO (4-2-3-1): Lazar; Manfredi, Barellini, Pambianchi, Brignola (45′ st Esposito); Ganci (32′ st Lezzi), Bianchini (43′ st Triarico); Battista, Losavio (32′ st Idoyaga), Calabria; Dorato (25′ st Renelus). All. Tiozzo.

NARDÒ (3-5-2): Viola; Urquiza, Lanzolla, Gennari; Russo, Guadalupi (43′ st De Giorgi), Gentile (30′ st Mariani), Ceccarini, Milli (30′ st Rossi); D’Anna (36′ st Addae), Dambros (22′ st Ferreira). All. Ragno.

ARBITRO: Dorillo sez. Torino.

NOTE: ammoniti Bianchini, Pambianchi (F), Dambros, Ferreira, Urquiza (N).

RISULTATI E CLASSIFICA