Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CASARANO – Pomigliano forza tre. Addio ai sogni rossazzurri di Lega Pro

Scorrono inesorabili, tra rabbia e lacrime, i titoli di coda sulla stagione della Virtus Casarano. I rossazzurri, già alla vigilia, erano chiamati ad un'impresa in casa del temibile Pomigliano. Ma non è tempo di gesta da ricordare. I campani, che avevano a disposizione due risultati su tre, battono senza attenuanti i salentini per 3-1, qualificandosi di fatto alla finale play-off.

La Virtus si presenta in campo con D'Angelo tra i pali; Tafani e De Toma formano la diga centrale, in avanti Mignogna con Buono e Giorgetti. Il tecnico del Pomigliano Ferraro, privo dello squalificato D'Agostino, può contare sui rientri di Pastore e Tarantino.

Davanti ad una grandissima cornice di pubblico, al Gobbato la prima emozione è di marca granata: diagonale di Ausiello, D'Angelo si supera e salva il risultato. La risposta rossazzurra non si fa attendere: grande mancino di Cenciarelli, pallone sul fondo. Alla mezzora i campani passano in vantaggio. Combinazione Auricchio-Ausiello, conclusione sotto al sette di quest'ultimo e il Gobbato esplode. A una manciata di secondi dal termine Auricchio manda a vuoto due uomini e conclude, D'Angelo è battuto ma il pallone non trova lo specchio.

Nella ripresa, mentre ci si attende una reazione d'orgoglio rossazzurra, per il Pomigliano è di nuovo festa. Siamo al 66', Loreto dalla destra serve Tarantino che trova l'angolo. I padroni di casa siglano il raddoppio. Pochi minuto dopo è 3-0: D'Angelo, stavolta, si inchina al pallonetto di Pastore. Inutile il seppur bello goal della bandiera di Giorgetti. Nel finale è lo stesso numero 11 rossazzurro a beccarsi il cartellino rosso per reiterate proteste nei confronti dell'arbitro.

Sul match cala il sipario, il Pomigliano festeggia un meritato 3-1. Si chiude con un finale drammatico il travagliato film della stagione rossazzurra. Come nella passata stagione, i play-off hanno ancora un amaro retrogusto. Il Pomigliano vola in finale, dove incontrerà il Gaeta che piega il Nardò in rimonta per 3-2.