Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CASARANO – Di Miceli: “Il Grottaglie non ci fa paura”

Professione: ala. Vincenzo Di Miceli, uno dei volti nuovi della Virtus Casarano, tiene subito a precisare che lui “è una classica ala”, quella che percorre la fascia laterale, scende sul fondo e mette in mezzo palloni invitanti per gli attaccanti. Parla della prima giornata di campionato e delle prospettive future dei rossazzurri.

Di Miceli, avete aperto con la vittoria di Ostuni ma forse ci si aspettava qualcosa in più, vero?
“Diciamo che nel primo tempo l’approccio alla gara è stato molto buono. Abbiamo realizzato una rete, ne abbiamo sfiorate altre e potevamo chiudere con un margine maggiore. Poi, nella ripresa, in effetti, qualcosa non ha funzionato. Nel senso, che siamo entrati in campo quasi accontentandoci del risultato e sicuri del fatto che avremmo portato a casa il successo poichè nella prima frazione di gioco non avevamo corso rischi. Questo però non è lo spirito giusto perchè il gol lo puoi sempre subire…”.

L’assimilazione degli schemi di mister Toma come procede?
“Abbiamo lavorato molto in questi due mesi ma per assimilare tutto e bene ci vuole ancora un po’ di tempo. La mano del tecnico però già si vede, si vede il suo stampo, si vede che non c’è un gioco improvvisato ma una logica e un’idea. Presto sono convinto raggiungeremo il top”.

L’allenatore le ha dato fiducia sin dalle prime amichevoli…
“La fiducia è riposta in tutti i giocatori. Mister Toma è molto bravo a gestire un gruppo così ampio. Avere la stima del tecnico è importante per me. Ci conoscevamo da precedenti esperienze, ci siamo conosciuti e siamo rimasti in contatto telefonicamente. Mi voleva già a Pisa, poi il trasferimento non fu possibile. Ora, eccomi qua. Al di là di tutto, comunque, ho sposato il progetto Casarano”.

Qual è il suo ruolo?
“Sono un esterno offensivo ma mi piace più essere considerato una classica ala”.

Domenica vi attende il Grottaglie al Capozza…
“Chi siano le squadre da affrontare ci interessa relativamente. Tutto dipende da noi e puntiamo a centrare i tre punti. Il Grottaglie non ci fa paura e vogliamo vincere per fare bella figura davanti al nostro pubblico”.

Dove può arrivare in questa stagione la Virtus?
“Sono fiducioso e un po’ di ottimismo non guasta. I campionati di D si vincono non solo con i nomi. Le premesse sono buone e possiamo centrare l’obiettivo”.