CASARANO – Caracciolo: “Con coraggio e volontà  verso il ciclo di ferro”

Il Casarano è pronto a ripartire e ad affrontare al meglio il cosiddetto ciclo di ferro contro Martina, Brindisi Francavilla. Il tecnico Fabrizio Caracciolo carica il suo gruppo con parole forti e decise: “Dobbiamo essere liberi da condizionamenti. Ci aspettiamo anche che l’infermeria ci dia buone notizie. Domenica potrebbero tornare Zaminga e Aragao. Due infortuni così pesanti però non si recuperano subito. I due in questione dovranno dare fondo alla loro grande esperienza e tenuta psicologica. Hanno comunque bisogno di un recupero graduale, dato che non si allenano da due mesi. Stesso discorso anche per Antonio Calabro. Gli ho detto che lo farò riposare, ma è disposto a fare di più per sopperire alle emergenze. Orami dice di essere abituato a giocare anche con acciacchi”.

La condizione psicologica della squadra: “Non nego che all’inizio della settimana eravamo delusi, ma poi la delusione ha lasciato il posto alla voglia di riscatto. In questi mesi ho lavorato con grandi uomini. Prima della partita col Campania, malgrado i tanti infortunati, eravamo quarti”.

L’arrivo di Attadia apre ad altri arrivi? “Io lavoro con la squadra che ho a disposizione con la massima professionalità possibile. Mi fido della società. Non credo però di poter mandare subito Geremias nella mischia. Magari durante il match, così come Aragao. Zaminga sarà titolare”.

La tattica anti-Martina: “Non posso formulare nulla per ora. Ancora non so che uomini avrò a disposizione. Magari dopo l’allenamento di domani sarò più preciso”. Come si affronta il tour de force in situazione di emergenza: Con la forza di volontà e il coraggio. Posso garantire che andremo a Martina e Francavilla per lottare, non per fare i turisti”.

Articoli Correlati