SERIE B – Trinchera e Braglia direttori d’orchestra, Baclet e Di Piazza per far gol. Il Cosenza che cerca la salvezza

Anche Legittimo in un collettivo rossoblù che cerca la difficile ma non impossibile permanenza nella categoria

Foto: Matteo Di Piazza (©Michel Caputo)

L’anno scorso a questo punto del campionato di Serie C, in pochissimi avrebbero immaginato che Cosenza-Lecce si sarebbe potuta giocare, pochi mesi più in là, nella categoria superiore, e non per mancanza di fiducia in quella che era una vera e propria corazzata giallorossa, effettivamente futura vincitrice del torneo. I Lupi della Sila si sono resi comunque protagonisti di un’impresa non meno epica, andando a stravolgere le carte nei playoff e conquistando una Serie B insperata e sorprendente al termine di una cavalcata orchestrata dal salentino Stefano Trinchera come ds e da mister Piero Braglia in panchina.

Sabato alle 18 rossoblù e giallorossi si affronteranno al Marulla in quella che può essere considerata una sfida salvezza tra due neopromosse pretendenti alla permanenza nella categoria. A differenza dei salentini, però, la partenza dei calabresi non è stata delle più esaltanti. Nelle prime undici giornate i punti conquistati sono stati appena 8, con una sola vittoria all’attivo e tanti pareggi. Nulla comunque di eccessivamente preoccupante per il presidente Guarascio, che ha visto una squadra lottare e giocarsela con chiunque, segnando pochissimo ma non subendo mai eccessivamente l’iniziativa avversaria. Merito di un tecnico accorto e navigato come Braglia, da sempre attento alla fase difensiva e a costruire squadre corte e compatte, e di una squadra che ha nel collettivo il suo punto forte. Come singoli spiccano il talentuoso Tutino, vicino al Lecce in estate, e gli ex giallorossi Di Piazza, Baclet e Legittimo.

Il Cosenza, con 76 precedenti all’attivo, è la squadra più affrontata dai salentini ai quali, seppur di poco, il bilancio sorride. I giallorossi guidano infatti il testa a testa con 29 vittorie a 25, più 22 pareggi. Score comprensibilmente ribaltato contando i match giocati al San Vito-Marulla, dove il Lecce ha vinto solo 8 volte e perso 20, con 10 pareggi, ma dove i locali non gioiscono dal 2014. Pochi mesi fa una zampata di Saraniti regalò ai suoi tre punti fondamentali per la vittoria del campionato.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già redattore de Il Giornale di Puglia, Tagpress e, dal 2013, di SalentoSport.net.

Articoli Correlati