SERIE A – Tanta qualità, ma una costante ricerca della continuità: la Fiorentina di Montella

Una squadra quella viola che finora non è ancora riuscita a mantenere le premesse di inizio campionato, con l'aeroplanino Montella che oggi appare sempre più in bilico

logo-fiorentina

Dopo la splendida rimonta di lunedì pomeriggio contro il Cagliari, queesta sera il Lecce sarà di scena all’Artemio Franchi di Firenze dove affronterà la Fiorentina di Vincenzo Montella, ferita e reduce da due sconfitte consecutive e con un successo che in casa viola manca da un mese esatto, quando i toscani s’imposero per 2-1 sul campo del Sassuolo grazie alle reti di Castrovilli e Milenkovic.

In estate in casa Fiorentina si è registrato un importante ribaltone societario, con i fratelli Della Valle che hanno ceduto il testimone all’imprenditore calabrese ma naturalizzato statunitense Rocco Commisso. L’avvento di Commisso ha subito portato grande entusiasmo in riva all’Arno, con il nuovo presidente che ha in primis tolto dal mercato il gioiello viola Federico Chiesa regalando poi al popolo fiorentino il super colpo Frank Ribery.

Oltre all’acquisto di Ribery, il rientrante direttore sportivo Daniele Pradè, si è assicurato le prestazioni dell’esperto difensore Martin Caceres, dei centrocampisti  Pulgar e Badelj, dei terzini Lirola e Dalbert e degli attaccanti Pedro, Boateng e Ghezzal, a cui ha fatto seguito l’esplosione del talento classe 1997 Gaetano Castrovilli, che ad oggi appare uno dei prospetti di maggiore qualità dell’intero palcoscenico nazionale.

Dopo un mercato scoppiettante e con un piazza colma di entusiasmo, tutti aspettavano una Fiorentina che navigasse a ridosso dei piazzamenti europei e invece l’undici guidato dall’Aeroplanino non è ancora riuscito a decollare, alternando sprazzi di grande calcio a domeniche da incubo come ad esempio quella di Verona.

Nelle prime due uscite stagionali i gigliati hanno incassato altrettante sconfitte. Il pareggio interno contro la Juventus della terza giornata e la rivoluzione tattica attuata da Vincenzo Montella ha fatto sì che Pezzella e compagni, trascinati dal talento di Ribery e da uno straripante Castrovilli, mettessero a segno un filotto di sei risultati utili consecutivi, che ha toccato il suo punto più alto nella splendida domenica di San Siro, quando la viola s’impose sul Milan per 3-1 uscendo tra gli applausi del popolo rossonero. La sconfitta interna contro la Lazio cui ha fatto seguito la squalifica del talento francesce ex Bayern Monaco, ha creato nuove difficoltà, con la squadra che non è ancora riuscita a ritrovare lo smalto e la brillantezza che l’ha contraddistinta nel mese di ottobre, allontanandosi nuovamente dalla zona Europa,  con solo 16 punti all’attivo e un tecnico che ad oggi appare nuovamente sulla graticola.

I precedenti in terra toscana sorridono ai padroni di casa, che vantano un bottino di nove vittorie a tre, mentre in quattro occasioni le due squadre sono uscite con un punto per parte. L’ultimo precedente però risale al gennaio 2012, quando un rigore di David Di Michele regalò i tre punti al Lecce di Serse Cosmi, che riuscì a battere il grande ex Delio Rossi.

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati

  • riccardi LECCE – Nel naufragio di Ferrara affondano in molti, Lapadula ultimo a mollare: le pagelle

    LE PAGELLE DI SPAL-LECCE Vigorito voto 6: incolpevole su tutte e cinque le segnature della Spal, nella ripresa evita un passivo peggiore con un paio di interventi di pregevole fattura. Benzar voto 4: pronti via e si rende protagonista di una grande chiusura su Floccari, ma con il passare dei minuti diventa un totale disastro, sbagliando…

  • LA CRONACA – Lecce, umiliazione di Coppa. Le riserve toppano e la Spal ne fa cinque

    Il Lecce saluta la Coppa Italia nel peggiore dei modi, venendo umiliato con un netto 5-1 dalla Spal. Un risultato pesante, forse ingiusto, ma che rispecchia i valori in campo, visto che Semplici ha puntato su molti titolari mentre Liverani su tanti esordienti, praticamente tutti deludenti. Come prevedibile, Liverani stravolge la formazione tipo e dà spazio alle seconde linee…

  • stadio-paolo-mazza-spal-ph-lungoleno-wikipedia LIVE! SPAL-LECCE, il tabellino

    LIVE! SPAL-LECCE, il tabellino Ferrara, stadio “Paolo Mazza” mercoledì 4 dicembre 2019, ore 18 Tim Cup 2019/20 – quarto turno SPAL-LECCE 5-1 RETI: 18′ Igor (S), 24′ Paloschi (S), 31′ Murgia (S), 45′ Cionek (S), 55′ Imbula (L), 84′ Floccari (S) — FINALE — SPAL (3-5-2): Berisha; Tomovic, Vicari, Igor; Cionek, Missiroli, Murgia, Jankovic (63′…

  • stadio-paolo-mazza-spal-ph-lungoleno-wikipedia LECCE – Si ritorna al “Mazza” contro la Spal in Tim Cup: le probabili formazioni

    Alle ore 18, con diretta su RaiSport, il Lecce ritorna a Ferrara ad affrontare la Spal dopo il successo di fine settembre in campionato, per guadagnarsi gli ottavi di finale di Tim Cup e andare a sfidare il Milan a gennaio. Mister Fabio Liverani, saggiamente, praticherà un corposo turnover tenendo conto anche che domenica, al…

  • giudice-sportivo lega pro com SERIE A – Quattro squalificati dopo la 14ª giornata, c’è anche un giallorosso: il Giudice sportivo

    Il Giudice sportivo ferma un calciatore giallorosso. Il centrale difensivo del Lecce, Luca Rossettini, salterà, infatti, il delicatissimo match di domenica all’ora di pranzo tra i giallorossi e il Genoa. Il difensore, infatti, è stato appiedato per un turno dopo aver ricevuto il cartellino giallo a Firenze, essendo già in diffida. Sono stati fermati anche…