SAN VITO vs MANDURIA – Basta un penalty di Scarciglia per far volare i messapici

Manduria corsaro a San Vito. Gli uomini di mister Cosma s’impongono per 1-0, grazie alla rete messa a segno da Scarciglia, dopo soli undici minuti di gioco, e fanno un bel balzo in classifica, portandosi a un rassicurante +9 dalla zona play out. Per il Manduria si tratta della terza vittoria esterna, mentre il San Vito non riesce a dare continuità all’exploit di Avetrana e va incontro al quarto ko casalingo. Successo meritato per gli ospiti, che disputano una gara accorta e diligente, e anche quando restano in dieci, al 13’ della ripresa, per via della espulsione di Pizzolla, non perdono la lucidità, difendono in maniera ordinata e pungono in ripartenza. I biancoverdi tarantini si presentano al “Citiolo” in formazione super rimaneggiata. Mister Cosma deve fare a meno, tra squalifiche e infortuni, di De Marco, Pasquale Mero, Erario, Massari, De Nitto e Gatto. Bomber Gennari, colpito dal virus dell’influenza, parte dalla panchina. Per lui solo uno scampolo di partita. 4-4-2 per gli ospiti, che scendono in campo con D’Adamo in porta, Simone Mero, Dimitri, Mancuso e De Valerio in difesa, Mummolo, Lanzo, Distratis e Tripaldi a centrocampo, Pizzolla e Scarciglia in attacco. 4-2-3-1 per mister Licci, che schiera: Termite tra i pali, D’Angelo, Stabile, Loparco e Malagnino pacchetto arretrato, Frascaro e Marinosci in mediana, Merico, Scozia e Candita sulla trequarti, a sostegno di Crupi unica punta.

Dopo dieci minuti di studio reciproco, il Manduria rompe l’equilibrio. Pizzolla intercetta con la schiena un rilancio della difesa avversaria, la palla giunge tra i piedi di Scarciglia, che viene atterrato in area di rigore. Il direttore di gara, Andrea Bizio della sezione di Casarano, decreta il penalty, che lo stesso attaccante si incarica di calciare. Portiere da una parte e pallone dell’altra, per la rete che vale l’1-0. I padroni di casa cercano di reagire, ma la manovra è piuttosto confusa. Crupi è il più pericoloso dei suoi. L’ariete del San Vito ci prova prima con un tiro a spiovere alto sulla traversa, poi con diagonale di poco a lato e infine con un’azione in profondità, che gli consente di portarsi a tu per tu con D’Adamo, ma il numero uno manduriano è insuperabile e manda in angolo. In mezzo, una punizione di Candita, smanacciata in corner dal portiere avversario. Il duello tra l’ex Avetrana e l’estremo difensore ospite si rinnova a inizio ripresa, quando D’Adamo vola a togliere, dall’incrocio dei pali, il tiro da fermo dell’attaccante di casa.

Il Manduria prova a rendersi pericoloso, nonostante l’inferiorità numerica, ma Termite è attento sulla conclusione a giro di Quaranta. Il San Vito spinge, alla ricerca del gol del pareggio, e al 38’ colleziona l’occasione più clamorosa del match. Simone Mero intercetta la palla in area di rigore con la mano e l’arbitro decreta il secondo penalty di giornata. Si incarica della battuta Candita, ma D’Adamo lo ipnotizza e manda all’aria i piani di rimonta della squadra di mister Licci. A tempo ormai abbondantemente scaduto, Crupi si vede annullata una rete per presunto fallo di mano, e Quaranta spreca il colpo del definitivo ko mandando di poco a lato.

***

San Vito, stadio comunale “Enzo Mario Citiolo”
Domenica 4 gennaio 2015 ore 17
Sedicesima giornata campionato Promozione girone B 2014/15

SAN VITO-MANDURIA 0-1

SAN VITO: Termite, D’Angelo, Malagnino (29′ st Zizzi), Stabile, Loparco, Marinosci (4′ st Morelli), Merico, Frascaro, Crupi, Scozia, Candita. A disposizione: D’Agnano, D’Ignazio, Roma, Petraroli, Lanzillotti. Allenatore: Licci

MANDURIA: D’Adamo, Mero, De Valerio, Lanzo, Mancuso, Dimitri, Distratis (33′ st Gennari), Tripaldi (37′ pt Olivieri), Scarciglia, Pizzolla, Mummolo (15′ st Quaranta). A disposizione: Di Magli, De Gaetani, Spadavecchia, Mariggiò. Allenatore: Cosma

Marcatori: 11′ pt Scarciglia rigore

Note: Ammoniti: all’8′ pt Mummolo, 11′ pt Stabile, 30′ pt Malagnino, 1′ st Dimitri, 5′ st Morelli, 18′ st Scozia, 27′ st Crupi, 36′ st Gennari, 37′ st Mancuso. Espulsi: 13′ st Pizzolla

Arbitro: Bizio di Casarano. Assistenti: Rampino e Miglietta di Lecce

Articoli Correlati