SALENTO FOOTBALL – Cornacchia: “Troppe rimonte subite, ora si deve muovere la classifica”. E spiega i motivi del ricorso contro il Novoli…

"Il gol del pareggio firmato da Tedesco è stato realizzato quando, da oltre un minuto, c'erano due palloni nella nostra area di rigore"

cornacchia-riccardo-salento-football

Foto: R. Cornacchia ai tempi del Gallipoli (©M. Coribello)

La trasferta di domenica a Novoli ha portato in dote l’ennesima sconfitta in rimonta della stagione. Nonostante un’altra ottima prestazione contro una big del campionato, la Salento Football di mister Riccardo Cornacchia vede avvicinarsi la zona rossa della classifica: “Purtroppo per la terza volta consecutiva abbiamo subito una rimonta – spiega Cornacchia –  e questo non può che lasciare l’amaro in bocca perché fino al momento del pareggio avevamo certamente tenuto bene il campo al cospetto di un’ottima compagine come il Novoli; a differenza delle altre gare, questa volta sul risultato credo che abbia inciso in maniera netta la valutazione dell’arbitro, poiché sull’azione del pareggio di Tedesco vi erano da oltre un minuto ben due palloni nella nostra area di rigore. Episodi a parte son convinto che con un po’ di malizia e di attenzione, avremmo ottenuto certamente un risultato positivo”. La Salento Football ha preannunciato, infatti, reclamo verso il Giudice sportivo che ha ‘congelato’ l’omologazione del risultato di 2-1 per il Novoli.

Domenica la Salento Football farà visita all’Uggiano, squadra in salute e alla ricerca di un posto nei playoff: “A sette giornate dalla fine – prosegue l’ex Gallipolinon credo che si possano fare calcoli, il calendario da qui alla fine ci metterà di fronte a sfide dall’elevato coefficiente di difficoltà, ma noi ad oggi dobbiamo lottare per conquistare l’obbiettivo prefissato e quindi già da domenica dobbiamo provare a muovere la classifica”.

Dall’alto della sua grande esperienza mister Riccardo Cornacchia prova a tracciare la rotta verso la conquista della salvezza: “Come detto in precedenza, non è mai semplice seminare e non raccogliere, quindi è normale che dopo alcune buone prestazioni fa male trovarsi con meno punti di quello che si potevano meritare, ma arrivati a questo punto non c’è tempo per guardarsi indietro, occorre compattarsi ancor di più e mettere in campo tutto ciò che si ha, restando uniti e continuando a credere nel lavoro e nei nostri mezzi, evitando soprattutto contraccolpi psicologici, perché ora è fondamentale anche curare l’aspetto mentale che in certi casi ricopre un ruolo fondamentale, soprattutto per una squadra giovane come la nostra”.

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati