Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

RACALE – Vigilia playout, Errico: “Col Carovigno partita maschia e avvincente. Ai tifosi chiediamo scusa…”

Ultima partita della stagione, il Racale si gioca il tutto per tutto contro il Carovigno nel playout Promozione in gara secca del “Luigi Basurto”, in programma domani pomeriggio alle 16.30.

“I ragazzi sono molto concentrati e carichi – spiega il dirigente del Racale Matteo Errico -. Purtroppo, dopo l’ennesima occasione sciupata per uscire dall’inferno dei playout, pensavamo di trovare la squadra con il morale a terra. Sorrisocuore e grinta, queste sono state le basi sulla quale abbiamo impostato questa settimana”.

Sul match col Carovigno: “Sarà una partita avvincente, partita da dentro o fuori. Ci si gioca l’intera stagione. Loro saranno carichi per la rimonta fatta, dopo un avvio non proprio esaltante, hanno fatto quadrato e sono riusciti a rimettersi in gioco. Sappiamo tutti il temperamento di questa squadra, anche per via del loro mister (De Nitto, ndr), che noi a Racale conosciamo abbastanza bene. In generale sarà una partita maschia ma sono sicuro che sarà sempre e comunque una partita corretta e all’insegna dello sport”.

Domani, comunque vada, si concluderà una stagione a dir poco travagliata per la squadra del presidente Ilvo Stanca: “Purtroppo – aggiunge Erricocon il senno di poi, è troppo semplice e scontato recuperare quanto fatto. Tutte le scelte, sono state fatte per avere il meglio e il bene del Racale. Personalmente mi è dispiaciuto per Davide Castrignanó. Per le punte, invece, siamo stati molto sfortunati ed alla fine la croce è toccata al nostro bomber Cresta che sta facendo gli straordinari”.

Infine, un appello ai tifosi: “Chiediamo soprattutto scusa se non abbiamo rispettato le aspettative. Purtroppo, dopo la straordinaria cavalcata dello scorso anno, anche noi ci siamo trovati in difficoltà e in debito di risultati. Domani sarà l’ultima partita di una stagione travagliata che, però, ha portato tantissima esperienza, ed alla fine ci ha fatto conoscere 26 bravi ragazzi”.