PROMOZIONE – Racale: il Matino ha detto “stop”, ne giova anche il Manduria. Crisi Novoli, momento nero Maglie: il punto

Si ferma a sette, infatti, la striscia di vittorie consecutive del Racale capolista, che perde, per 2-0, a Ugento sul campo del Matino. Era il 29 settembre quando la formazione di Pietro Sportillo conobbe l’ultima sconfitta

matino-racale-241119-ph-francesco-gnoni

Foto: un'azione di Matino-Racale (@Francesco Gnoni)

La pioggia, il vento e la fatal Matino. Potrebbe intitolarsi così il film della dodicesima giornata del campionato di Promozione. Si ferma a sette, infatti, la striscia di vittorie consecutive del Racale capolista, che perde, per 2-0, a Ugento sul campo del Matino. Era il 29 settembre quando la formazione di Pietro Sportillo conobbe l’ultima sconfitta. Con questo successo i biancazzurri di Giuseppe Branà si mettono alle spalle la batosta di Sava e accorciano sul primo posto, ora distante due lunghezze. Con le due reti rifilate al Racale sale a ventinove il bottino totale, che fa del Matino il miglior attacco del torneo. Resta la miglior difesa, invece, il Racale, che di reti ne ha subite solo sette. Peccato che il big match di giornata si sia dovuto giocare in condizioni meteo così avverse. Lo spettacolo non ne ha beneficiato.

E determinante è stato il maltempo ad Avetrana e Veglie, dove i due match sono stati addirittura sospesi. Al “Celestino Laserra” il Sava conduceva per 1-0 alla fine del primo tempo. Stesso risultato a favore del Veglie contro l’Uggiano, fino al minuto 59. I match saranno recuperati con data da destinarsi. Si riprenderà dallo stesso minuto e punteggio. Il Matino vince e fa un favore, oltre che a se stesso, anche al Manduria, che accorcia ulteriormente sul Racale, lontano solo un punto. Contro il Novoli è arrivato l’undicesimo risultato utile consecutivo. E soprattutto si è confermata la legge del “Dimitri”: sei partite, sei successi. In casa dei biancoverdi non si passa.

La crisi in casa Novoli è ufficialmente aperta. La formazione di mister Epifani dimostra di essere viva a Manduria, ma i risultati stentano ad arrivare. Sono quattro i ko consecutivi. E un potenziale offensivo ancora inespresso. Una rete in chiusura di match consente all’Ostuni di portare via i tre punti dal campo dello Scorrano, condannandolo a una situazione di classifica sempre più difficile.

Comincia a vedere la luce, invece, il Carovigno. Dopo la crisi societaria che ha rischiato di spazzare via il calcio dalla piazza brindisina e il moto d’orgoglio dei calciatori in occasione della trasferta di Leverano, i rossoblù vincono di nuovo (4-2 casalingo all’Aradeo) e agganciano in classifica proprio lo Scorrano. Un gol per tempo e il Taurisano liquida la pratica Maglie. Per i granata si tratta della terza vittoria consecutiva, che li proietta in piena zona playoff. Serviva continuità. Proseguendo per questa strada, gli uomini di mister Stifani potranno dire la loro.

Momento nero per il Maglie, che perde due scontri diretti di fila. Primo posto ormai andato. Finisce in parità il match tra Brilla Campi e Salento Football, due formazioni con una spiccata propensione al pareggio.

Articoli Correlati