Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

OTRANTO vs SCORRANO – Cezza: “Ora ad Altamura per la finale di Coppa”, Rollo rammaricato…

Successo robusto per l’Otranto nel derby contro lo Scorrano: 4-1 il risultato finale per la formazione di Salvadore che ha ripreso quota in classifica. Sempre più complessa invece la situazione dei biancorossi, scalati al penultimo posto e fermi a quota 18 punti. I commenti del post gara affidati al centrocampista Cezza ed a mister Rollo.

PIERPAOLO CEZZA – “Nel girone di ritorno avevamo subito cinque sconfitte, aggiudicandoci un solo match in pieno recupero. Per noi, quindi, era fondamentale imporci contro lo Scorrano, anche per difendere la quinta posizione, riconquistata grazie al successo a tavolino ottenuto in relazione alla partita contro il Fragagnano, che ci ha visto soccombere sul campo”. L’analisi del derby: “Abbiamo dovuto battagliare nella prima parte della contesa, dopo aver sbloccato il risultato, però, il nostro cammino si è fatto in discesa ed avremmo potuto chiudere i conti con un risultato anche più ampio in quanto abbiamo sciupato tanto”. Ora nel mirino la finale di Coppa Italia: “Andiamo ad Altamura dopo esserci imposti per due a uno all’andata, sarà dura ma vogliamo la qualificazione”.

FRANCESCO ROLLO – “Ancora un grave errore arbitrale ha danneggiato lo Scorrano. Vada per l’arbitro che era in errata posizione, ma l’assistente non può non vedere la spizzata di De Vito che serve Dongiovanni in chiara posizione irregolare. Ci sta perdere ad Otranto ma resta il rammarico perché, sino al loro primo gol, stavamo facendo molto bene e Baglivo, portiere avversario, aveva fatto un grande intervento”. Un plauso all’autore del gol della bandiera per lo Scorrano, Carlo Poleti: “La sua conclusione ‘nel sette’ la cosa più bella della partita”. Nel prossimo turno uno scontro diretto contro l’ultima della classe, il San Cesario: “E il giovedì successivo recuperiamo la gara casalinga col Leporano. Due partite per noi di vitale importanza, da non fallire. La nostra salvezza passa da questi centottanta minuti”.