OSTUNI – Schiavone: “Ci piace dare fastidio, ci siamo anche noi per il primo posto”

L'attaccante gialloblù è convinto che si possa ambire a traguardi importanti e si pone un obiettivo personale: "Voglio superare il record di gol dello scorso anno"

schiavone-marco

Uno degli attaccanti più prolifici del campionato di Promozione è Marco Schiavone. Con i suoi gol sta trascinando l’Ostuni verso la conquista di un posto nei playoff, o forse qualcosa di più. La vittoria in trasferta sul Mesagne, nell’ultimo turno, ha permesso alla squadra di mister Marasciulo di appaiare l’Aradeo al terzo posto in classifica, a -6 dalla coppia di testa formata da Fasano e Tricase. Secondo miglior attacco in coabitazione con il Tricase, con ventinove gol, terza miglior difesa con sedici reti subite: sono i numeri che fanno da cornice a una stagione fin qui molto positiva.

Che campionato è questo per l’Ostuni? In linea con le aspettative o ci si attendeva qualcosa di diverso? Ce lo spiega il principe degli attaccanti gialloblù, Marco Schiavone. “Siamo sorpresi a metà, se così si può dire, perché, se da un lato ci aspettavamo di finire alti in classifica a questo punto della stagione, visto che il nostro obiettivo iniziale erano i playoff, dall’altro la nostra forza nell’arrivare a questo punto in questa forma è stata maggiore delle aspettative. Quindi è lecito pensare di poter lottare per qualcosa di più di un posto nei playoff”. Non sarà facile, perché il Fasano e il Tricase non mollano un colpo. I brindisini possono, senz’altro, contare sull’organico meglio attrezzato del torneo. I rossoblù di mister Orazio Mitri hanno fin qui rappresentato la costante, la certezza di una squadra che non vuole concedere sconti a nessuno. Il campionato è ancora lungo. Mancano tredici giornate e la matematica non taglia fuori dalla lotta al titolo né l’Ostuni né l’Aradeo.

È proprio così, oppure le due là davanti sono destinate a fare un finale di torneo a sé? “Abbiamo coscienza che al momento le due squadre siano le più forti della competizione, ma visto che la possibilità c’è e amiamo dare fastidio, perché non crederci?”. Un inizio negativo, poi la ripresa e una parabola ascendente coincisa con l’avvento, in panchina, di mister Marasciulo. Che cosa ha portato di nuovo o di diverso il giovane allenatore, che ha rilevato Antonio Ciraci dopo appena quattro giornate? “Ha portato uno spirito e un entusiasmo nuovo – sottolinea Schiavone -. “Quella forza di gruppo che ci ha garantito questo posto in classifica. È molto bravo mister Marasciulo, con lui ci stiamo mettendo sotto e i risultati si vedono. Volevo, comunque, ringraziare mister Ciraci e il professore Luca Valente per il lavoro svolto in precedenza”.

E domenica prossima all’Ostuni toccherà una brutta gatta da pelare, il Lizzano, in un match con vista sui play off. “Il Lizzano, sulla carta, è un avversario molto ostico, ma non il primo difficile che incontriamo. Sfrutteremo le ripartenze, come spesso facciamo e ce la metteremo tutta”. Fino a ora sono nove le reti in campionato, nella passata stagione furono dodici, sempre con la maglia dell’Ostuni. Un bilancio già positivo.

Si è prefissato un traguardo personale Marco Schiavone? “L’impegno mio personale non è solo quello di superare il record dell’anno scorso, che mi renderebbe molto felice, ma è soprattutto quello di far sì che grazie a quei gol possiamo trovarci a pari punti o addirittura superare il Fasano. Questo è il mio e il nostro obiettivo. Voglio realizzare tante reti grazie alla forza del gruppo, per vincere il campionato tutti insieme. Se sarà così, il record personale di gol passerà in secondo piano, la cosa più importante sono i record di squadra. Se questo sogno si trasformerà in realtà sarà merito anche del presidente Molentino e del direttore Pulpito, che insieme a noi hanno creduto sin da subito in questo meraviglioso progetto”.

Articoli Correlati