MANDURIA-FASANO – Coppa Italia, biancazzurri esagerati: un poker per la finale

La formazione di Laterza, dopo essersi imposta per 3-0 all'andata, replica con un roboante 1-4 in terra messapica, tagliando così il traguardo della finale di Coppa

fasano-ph-mvpimage

Foto: @Mvp Image

Dopo il 3-0 dell’andata, il Fasano vince anche nel ritorno della semifinale di Coppa Italia e s’impone per 4-1 sul campo di un Manduria ancora falcidiato dagli infortuni. Per i brindisini, che hanno fatto riposare alcuni uomini chiave, si è trattato di un ottimo test allenante in vista del big match di domenica prossima col Tricase, dopo che la qualificazione era già andata in archivio, o quasi, in virtù del risultato dell’andata.

Che lo 0-0 fosse un risultato ad alto tasso di mortalità lo si capisce fin da subito, visto che al 2’ il Fasano passa: errore della retroguardia biancoverde, Longo ne approfitta e mette alle spalle di Di Magli. Biancazzurri vicini al raddoppio al 23’: Pace colpisce il palo, sulla ribattuta Serri non riesce ad approfittarne. Due minuti dopo arriva il pari del Manduria: Riezzo si mette in proprio sulla sinistra, prova la conclusione che sbatte sul palo, batti e ribatti, Granata è il più lesto a infilare in rete. Al 33’ ci prova Amodio dalla distanza, Di Magli si distende e allontana. E al 37’ il giovane portiere biancoverde dice di no a un tiro piuttosto centrale di Di Tano. Il tempo si chiude con una conclusione alta sulla traversa, da posizione favorevole, di Pace.

Nella ripresa è subito Fasano all’11′: palla filtrante di Marini per Longo che penetra in area, Di Magli blocca in due tempi, sul tentativo del numero nove biancazzurro. Al 18’ gli ospiti raddoppiano: bordata di Quaranta che s’infrange sulla parte bassa della traversa, nel ricadere giù la sfera sbatte sul corpo dell’estremo difensore manduriano e rotola in rete. Al 28’ il Fasano cala il tris: Di Tano sfonda sulla sinistra, mira la porta ma Mandurino nel tentativo estremo di allontanare devia nella propria rete. E al 41’ arriva il poker: cross di Laguardia, Jawara di testa mette il sigillo alla gara.


Manduria stadio comunale “Nino Dimitri”
Giovedì 23 febbraio 2017 ore 15
Ritorno semifinale Coppa Italia 2016/17

MANDURIA-FASANO 1-4
RETI:
2’ Longo, 25′ pt Granata (m), 18’ st Quaranta,  28’ st autogol Mandurino (M), 41’ st Jawara

MANDURIA: Di Magli, Olivieri, Tripaldi (45’ pt Di Comite), Arcadio, Mancuso, Scarciglia (32’ st Spinelli), Galante (18’ st Mandurino), De Nitto, Granata, Riezzo, Manzella. A disposizione: Zingarello, Carrozzo, Carenza, Mariggiò. Allenatore: Passariello
FASANO: Zambetti, Pugliese, Locorotondo, Marini, Loparco, Amato, Serri (12’ st Laguardia), Pace, Longo (32’ st Jawara), Amodio (5’ st Quaranta), Di Tano. A disposizione: Lacirignola, Anglani, Fumarola, Colucci. Allenatore: Laterza
Arbitro: Salomone di Bari
Note – Ammoniti: Pace (F)

Articoli Correlati