MAGLIE – Il ds Adamuccio: “La Toma non ha nulla da invidiare a Fasano e Galatina. Sarà un torneo equilibrato”

Adamuccio lorenzo

Foto: Adamuccio con Di Santantonio (sx) e Iunco (dx)

La quiete dopo la tempesta. Sembra essere tornato il sereno in casa Maglie, dopo un avvio di stagione caratterizzato da qualche turbolenza. Tre sconfitte in sei partite ufficiali rappresentano uno score che nessuno avrebbe potuto prevedere per una delle squadre candidate al salto di categoria. Adesso, la crisi sembra essere alle spalle. “In realtà la crisi non c’è mai stata – spiega Lorenzo Adamuccio, direttore sportivo dei giallorossi -. “Siamo stati solo un po’ sfortunati. Il calendario ci ha riservato, immediatamente, un avvio in salita. La nostra, è una squadra che ha subito un profondo restyling, per cui l’allenatore ha bisogno di tempo per trovare i giusti meccanismi”.

Un tecnico nuovo, Marco Cannarile, che nonostante la partenza da incubo, sembra non essere, mai, stato, in discussione. “Il mister gode di stima e fiducia incondizionate. Siamo convinti di aver effettuato la scelta giusta in estate”. Giovedì, il return match di coppa con l’Uggiano ha regalato il passaggio al secondo turno. Un 4-0, che Adamuccio commenta così. “Nel primo tempo, l’Uggiano mi è piaciuto molto a livello di gioco, era ben messo in campo. Forse il passivo è un po’ troppo largo, ma nulla da dire sulla nostra vittoria. Nel computo dei centottanta minuti, abbiamo meritato la qualificazione”. La coppa, un obiettivo al quale il direttore della Toma sembra tenere molto, al pari del campionato. “Non c’è differenza tra i due trofei. Siamo attrezzati per fare bene in entrambe le competizioni. In campionato, abbiamo tutte le carte in regola per arrivare tra le prime tre”.

In estate, la dirigenza giallorossa ha operato una campagna acquisti faraonica, che la accredita come una delle tre sorelle. “Sono stati fatti grossi sforzi. A livello di rosa, non abbiamo nulla da invidiare a Fasano e Galatina. Tuttavia, vedo leggermente favoriti i brindisini, perché hanno mantenuto l’ossatura della passata stagione e hanno dei meccanismi, ormai, collaudati, nei quali sono stati inseriti almeno un paio di rinforzi di spessore”. Fino a ora, il campionato sta mostrando grande equilibrio, con partite mai banali e risultati, talvolta, a sorpresa. “Il torneo mi sembra più equilibrato rispetto alla passata stagione, non vedo squadre materasso. Ho visto il Galatone in coppa, contro il Galatina, e mi ha destato un’ottima impressione. Lo stesso dicasi per il Manduria, che abbiamo affrontato domenica scorsa. E non sottovaluterei neppure l’Avetrana. In generale, credo vi siano almeno dieci squadre in grado di contendersi un posto nei play off.

E domani il Maglie affronterà, in trasferta, il Leporano. Un match da prendere con le giuste contromisure. “Il Leporano è un avversario ostico, come dimostra la vittoria, nell’ultimo turno di campionato, contro il Tricase. Inoltre, giocare su un campo in terra rappresenta un handicap per una squadra tecnica come la nostra. Occorrerà una prova maiuscola, anche perché abbiamo problemi di formazione. De Braco si è fatto male in coppa e le previsioni non sono rosee. Anche Sicuro è infortunato e Garrapa squalificato. Mi auguro di vincere, per poi capitalizzare al massimo le prossime due partite consecutive in casa”.

Articoli Correlati

Lascia un commento