AVETRANA – Gioia, tra rammarico e futuro: “Non mi vedrei con nessun’altra maglia addosso…”

Foto: Il capitano, Stefano Gioia

Si ferma in semifinale dei playoff il campionato dell’Avetrana. Un cammino che ha mostrato il suo passo migliore nel girone di ritorno, permettendo alla squadra biancorossa di raggiungere un traguardo storico. A Fasano c’è stata la sconfitta contro una squadra blasonata ed esperta, a differenza dei tarantini, come confessa il capitano Stefano Gioia: “È stato un peccato. Una partita dai due volti in cui abbiamo sofferto nella prima mezz’ora, perché – sottolinea Gioia – loro sono un’ottima squadra. La nostra reazione ci ha portati al pareggio ma, al primo minuto del secondo tempo, abbiamo subìto il gol del definitivo 2-1. Nei momenti decisivi della partita siamo stati un po’ ingenui“.

Ingenuità a parte, il risultato è stato in bilico fino alla fine, quindi non è tutto da buttare. Anzi, rappresenta un ottimo punto di partenza per l’anno prossimo: “Nello spogliatoio c’era rammarico ma anche la consapevolezza di aver fatto una grande stagione. Siamo riusciti a portare a Fasano quattrocento persone: anche questo è un risultato storico“. È presto per parlare di futuro ma il capitano giura fedeltà alla squadra biancorossa: “Non mi vedrei con nessun’altra maglia – conclude – che non sia quella dell’Avetrana“.

Umberto NARDELLA
Nato nel 1976, sposato, lavora nel team IT di una multinazionale americana. Scrive per SalentoSport da diversi anni ed è uno sportivo, nel senso che gli piace vedere gente che fa sport. Innamorato da sempre del calcio, sin da piccolo è stato affascinato dai campi polverosi di paesini sconosciuti. Ogni domenica è buona per andare a vedere una partita di calcio, rigorosamente dilettante.
http://www.salentosport.net

Articoli Correlati

Lascia un commento