Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

SAN MARZANO-TALSANO – Derby tarantino a reti bianche, le voci di Mazza e Frascella

È terminato a reti bianche il big-match di Prima Categoria tra San Marzano e Talsano. Una bella partita giocata a viso aperto dalle due squadre che hanno cercato di superarsi fino al triplice fischio. Meglio il Talsano in apertura di gara con un approccio alla partita più deciso, che gli ha consentito di colpire il legno su punizione dell’ex Peluso. Lo scampato pericolo ha svegliato il San Marzano che ha finito in crescendo la partita, mettendo in mostra un’eccellente condizione fisica ed un forte spirito di gruppo. A fine gara i due tecnici si sono concessi, in esclusiva, ai taccuini di Salento Sport.

Mimmo Mazza, allenatore del San Marzano capolista del girone C di Prima Categoria: “Sono dispiaciuto per il risultato perché i ragazzi non si sono espressi come avrei voluto. Individualmente abbiamo commesso qualche errore che ha permesso al Talsano di ripartire, anche se non abbiamo corso grossi rischi: le migliori occasioni, comunque, sono state le nostre. Ho notato che dopo un quarto d’ora della ripresa il Talsano era in grosse difficoltà mentre noi eravamo fisicamente superiori ma non abbiamo assestato il colpo del KO. Non vorrei che i miei sentissero il peso dell’avversario o che soffrano di vertigine. Peccato perché ho pensato più volte di poter vincere, nonostante dall’altro lato c’era un giocatore del calibro di Mimmo Peluso. Noi potevamo andare a segno con Toumi ma anche in altre occasioni, se solo avessimo pensato a servire il compagno libero invece di tirare da posizioni defilate. Mercato? Stiamo a posto così. Se dovesse presentarsi l’occasione d’oro non ci faremo trovare impreparati“.

Luciano Frascella, allenatore del Talsano: “È stata una partita agonisticamente valida, con poche occasioni da rete e caratterizzata da reciproca correttezza in campo. In casa del San Marzano capolista non era semplice ma, se sono in testa, non è un caso. A noi manca qualche punto in questo campionato di Prima Categoria, soprattutto per colpa nostra. Ora abbiamo un mese di tempo per prepararci e recuperare il terreno perso. A questo servono gli arrivi di Rateo e di Collocola, insieme al recupero di qualche infortunato importante. Calati nella ripresa? Abbiamo avuto una grossa occasione con Peluso ad inizio partita ma nel secondo tempo abbiamo pagato un calo fisico, dovuto al lavoro settimanale che non si sviluppa come io vorrei, visti i tanti infortunati. Mercato? Non credo che arriveranno altri giocatori a parte Rateo e Collocola. Aspettiamo di recuperare gli infortunati Pupino, Casula e Legari: sono sicuro che possiamo guadagnarci un posto nei playoff“.