Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

TARANTO – Zelatore: “Più fatti e meno parole”. Prosperi: “Taranto occasione della vita”

A Taranto è ufficialmente partito il post-Papagni. Nel tardo pomeriggio di martedi la dirigenza tarantina ha presentato il nuovo tecnico, Fabio Prosperi, nella sala stampa dello ‘Iacovone‘. Ha preso la parola il numero uno del Taranto, Elisabetta Zelatore, che ha subito precisato: “La scelta di Fabio Prosperi è mia e me ne assumo le responsabilità. Di lui mi ha colpito la sue determinazione e la voglia di mettersi in gioco. Ringrazio Aldo Papagni per il lavoro svolto ma è arrivato il tempo di portare più fatti e meno parole“. Gli ha fatto eco Franco Dellisanti, responsabile dell’area tecnica: “Anche io ringrazio Aldo Papagni e da tecnico so quanto sia difficile accettare certi eventi. Abbiamo scelto di cambiare perchè siamo convinti che questa squadra possa esprimersi meglio“. Non è mancato il commento del direttore generale del Taranto, Aldo Roselli, che ha sottolineato come la scelta sia stata figlia di un’attenta analisi e non dell’improvvisazione.

Alla fine è stato il turno del ‘festeggiato’, Fabio Prosperi: “Allenare il Taranto è per me un’occasione irripetibile. Non ci ho messo molto ad accettare la proposta del presidente. La squadra non è contenta dell’esonero di Papagni ma li ho visti vogliosi di lavorare: questo mi fa stare sereno per il futuro. E’ presto per parlare di tattica e moduli ma” – prosegue il neo tecnico – “posso anticipare che qualche cambiamento ci sarà già da domenica ma solo per idee personali. Non frequentando assiduamente gli allenamenti della prima squadra, il mio giudizio sui giocatori visti in partita sarebbe quella di un osservatore e non di un allenatore. Ci sarà bisogno di un pò di tempo per conoscere meglio il gruppo. Tifosi? Li conosco benissimo e so del loro amore per questi colori. Ed è per il troppo amore che si esaltano e si arrabbiano facilmente. A loro chiedo di sostenere questi ragazzi. Emozionato? Si, come sempre quando entro sul manto erboso dello ‘Iacovone’“.