MARTINA FRANCA – La formazione di Ciullo cade all’ultima curva, il “solito” Calil premia la Salernitana

martina franca logo

(di Giovanni GULLI) – Il Martina esce battuto di misura dallo stadio “Arechi” di Salerno ma lo fa a testa alta e con una condotta di gara tatticamente ed agonisticamente perfetta, capace di rendere la vita impossibile ad una Salernitana che, specie nella ripresa, ci ha provato in tutte le maniere a scardinare il bunker eretto dai ragazzi di Ciullo, capitolati solo ad una manciata di secondi dal fischio finale. A Salerno, Ciullo si ritrova senza Patti e Montalto, squalificati, in pratica con una panchina per lo più composta da ragazzi ed è forzatamente indotto a raschiare il classico fondo del barile per mandare in campo una formazione in grado di reggere il confronto con una quotatissima Salernitana che, nel girone di andata al “Tursi”, fu messa alla frusta per tre quarti di partita, salvo riprendersi e vincere nel finale. Menichini schiera il neo acquisto Moro, tarantino di nascita, e manda in panca Bianchi, confidando che i suoi, i quali nelle precedenti quattro gare hanno vinto solo una volta, coi martinesi ritrovino la via dei tre punti.

Com’era lecito attendersi, Salernitana veemente all’avvio con un 4-2-3-1 che ha in Calil l’unico terminale offensivo di riferimento, mentre il Martina si schiera con un 4-4-1-1, in pratica col solo Arcidiacono a fare reparto in avanti e Leto a supporto. Al 6′ l’esperto Gabionetta se ne va in percussione sulla sinistra, cerca e trova il fondo con un cross basso per la deviazione in area piccola di Calil che alza la mira di poco. Due minuti dopo l’ex Martina, Favasuli, ci prova dal limite col sinistro, ma il suo tiro teso finisce fuori di poco. I campani cercano di sfondare sulle fasce, ma il Martina è molto compatto e, con le buone o con le cattive, i difensori finiscono spesso con l’avere la meglio di fronte ai più quotati avversari, tra i quali l’unico che appare più in palla è il solo Favasuli. Sul primo angolo a favore, battuto da Gabionetta al 17′, Bleve para sul colpo di testa di Calil, mentre al 20′ reclamano il rigore i granata di casa per una spinta ai danni di Nalini, ma il direttore di gara lascia proseguire. Primo sussulto martinese al 22′ con Arcidiacono che, su lancio dalle retrovie, si viene a trovare a tu per tu con l’ultimo difensore che gli sbarra la strada verso Gori. Sventato il pericolo, la Salernitana riprende a macinare gioco e al 25′ sfiora il gol con un colpo di testa di Nalini, su cross di Gabionetta, che va ad incocciare la parte alta della traversa.

Nemmeno il tempo di rifiatare che il Martina perde palla nei propri sedici metri su pressing di Gabionetta che, colpevolmente, non ci pensa su due volte e tira dal limite, con palla che finisce di poco fuori. Il Martina capisce che può contenere gli avversari e forse, agendo nello stretto delle loro maglie difensive, cercare di rendersi pericoloso. Al 35′ Arcidiacono crea lo spazio nella zona centrale della difesa granata e dà palla a Tomi il cui tiro a spiovere dalla sinistra finisce alto di poco. Fino al riposo non accade in pratica più nulla, con la Salernitana più confusionaria e veemente protesa in avanti e col Martina che controlla gli avversari e, dopo due minuti di recupero, le formazioni vanno al riposo a reti bianche e con i locali punzecchiati coi fischi e con un patron Lotito, presente in tribuna, non proprio soddisfatto per l’incolore prova dei giocatori granata.

L’inizio della ripresa non è per i deboli di cuore. Al trentesimo secondo, incursione sulla sinistra dell’esterno Bocchetti sul quale salva in disperata uscita, sul primo palo, il portiere Bleve, murandogli la conclusione in angolo. Un minuto dopo, traversone basso dalla sinistra sul quale interviene a deviare Calil, la cui mira sotto porta è alta.
Il Martina non si fa pregare e subito dopo riparte sulla destra con palla servita ad Arcidiacono che chiama di forza Gori in area alla respinta in tuffo, metre al minuto 11 ci prova anche Tomi dalla distanza, ma la mira è fuori di poco. La Salernitana forza i ritmi, costringe il Martina alla difensiva, tuttavia senza eccessivi affanni, ed al quarto d’ora, su cross di Nalini, Calil devia la palla di testa, ma Bleve para a terra. Azione da manuale del calcio per la Salernitana al 26′, con cross dalla sinistra, tocco sotto porta di Mendicino per la deviazione di tacco in area piccola di Gabionetta, ma Bleve ha i riflessi prontissimi e para quasi sulla linea. Il forcing dei granata inevitabilmente lascia giocare anche il Martina ed al 28′ Arcidiacono, su azione di rimessa, si porta a spasso al limite due avversari, apre a destra per Kalombo il cui tiro dalla distanza finisce alto di poco.

Grande pericolo invece per la porta martinese al 36′ quando, su punizione dalla destra di Nalini, il colpo di testa in elevazione di Franco manda la palla a sbattere sulla parte alta della traversa. A questo punto, qualora ci fossero dubbi, tra i migliori della gara annovera il suo nome Bleve, che al 39′ si salva all’ultimo istante su un tiro maligno scoccato da Calil dal limite, deviando la palla in angolo alla sua destra e, sugli sviluppi del corner, respinge a pugni chiusi sulla deviazione di Lanzaro. L’ultimo lustro della gara risulta fatale al Martina. Al 43′ Arcidiacono se ne va in contropiede sulla sinistra, si accentra e serve l’accorrente De Risio che però conclude malamente fuori. E’ il preludio al vantaggio della Salernitana che, complice una difesa leggermente sbilanciata nell’occasione precedente, non va a coprire adeguatamente, come fatto fino a quel momento, su Calil che porta palla a spasso, ha il tempo di ragionare, accentrarsi e scoccare un tiro che s’insacca alla sinistra di Bleve, che tocca anche la palla nella circostanza ma non può fare nulla. Un vantaggio, per le occasioni avute, sicuramente meritato ma che mortifica gli sforzi fatti dal Martina fino a quel momento e che, tra l’altro, ha comunque il merito di non darsi per vinto e si getta a capofitto alla ricerca del pari, che sfiora prima al 46′, quando Arcidiacono, su azione d’angolo, sfruttando un’indecisone di Gori, che esce male e respinge corto, cerca il secondo palo, ma la mira è sbagliata; ancora, in pieno recupero, al secondo giro di lancette dell’extra-time, ci prova anche De Risio che dal limite chiama Gori alla parata a terra.

Un Martina che, sebbene poteva essere preventivabile una sconfitta a Salerno, torna in valle d’Itria con la consapevolezza di essersela giocata fino in fondo contro la seconda della graduatoria e di avere ormai acquisito la giusta mentalità per giocarsela alla pari anche quando mancano elementi titolari, il che va ad ampio merito, riteniamo, anche del suo tecnico, Salvatore Ciullo, che è riuscito a preparare la gara nel modo migliore. Domenica prossima, intanto, al “Tursi”, all’ora di pranzo, renderà visita il Catanzaro, ridimensionato ieri nelle sue ambizioni dalla battistrada Benevento, solitaria in testa alla classifica, e per i ragazzi di Ciullo, che probabilmente potranno contare su due nuovi innesti, sarà un altro banco di prova impegnativo.

***

Domenica 18/1/2015, ore 18.00
Stadio “Arechi” di Salerno
Campionato di Lega Pro – girone C 2014/15 – 21^ giornata

SALERNITANA – MARTINA 1-0
RETI
: 44’st Calil (SA)

SALERNITANA: Gori, Colombo, Bocchetti (30’st Franco), Moro (12’st Bovo), Lanzaro, Tuia (10’pt Bianchi), Nalini, Favasuli, Calil, Gabionetta, Mendicino. A disposizione: Russo, Pezzella, Negro, Grillo. Allenatore: Menichini
MARTINA FRANCA: Bleve, Kalombo, Memolla, De Lucia, Samnick, Fabiano, Arcidiacono, De Risio, Leto (35’st Brunetti), Diop (46’st Calvetti), Tomi. A disposizione: Modesti, Buccolieri, Macchia, Curri, Cassano. Allenatore: Ciullo
ARBITRO: Balice di Termoli (Stazi – Pellegrini)
NOTE: Serata piovosa con vento freddo. Terreno in ottime condizioni. Spettatori 7000 con rappresentanza ospite. Ammoniti: Bianchi e Moro (SA); Diop, Memolla, Brunetti e Kalombo (MF). Angoli: 13-2 per la Salernitana. Recupero: pt 3′; st 4′.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati

  • rizzo-coribello LECCE – Rizzo sul Catania: “Una squadra arrabbiata con Lodi a dettare i tempi”. Pacilli e Marino ok

    “Lavorare reduci da una vittoria aiuta sempre. Ripartiamo dalla prestazione offerta con il Trapani, di carattere, attenzione e determinazione”. Così Robertino Rizzo alla vigilia di Catania-Lecce, in programmi domani sera, in terra siciliana, con calcio di inizio fissato alle ore 20.30. “Questa mattina abbiamo svolto la rifinitura in Calabria – ha aggiunto – Pacilli e Marino…

  • magri-di-campi VIRTUS FRANCAVILLA – Magrì: “Polverone politico sulla questione stadio. Ora religioso silenzio”

    Il presidente onorario della Virtus Francavilla, Antonio Magrì, ha posto chiarezza col seguente comunicato sulla questione legata al “Giovanni Paolo II”. “Ancora una volta – si legge nella nota diffusa dal club biancazzurro – apprendo con stupore che una mia dichiarazione sulla questione stadio ha dato vita ad un polverone politico con diverse prese di…

  • bleve caputo LECCE – Doppio movimento di portieri: Bleve parte, blindato Chironi

    Movimento di portieri in casa Lecce. La società ha appena ufficializzato l’allungamento del contratto con Gianmarco Chironi, estendendolo sino al 30 giugno del 2020. Contestualmente i giallorossi hanno ceduto, a titolo temporaneo e con diritto d’opzione, il diritto alle prestazioni sportive di Marco Bleve alla Ternana Calcio. Per Bleve si tratta, quindi, di approcciarsi al…

  • Comunicato ufficiale Taranto TARANTO – Ufficio stampa e segreteria si rifanno il look

    Il Taranto prosegue l’opera di allestimento del nuovo organigramma societario, che si colora di rosa. A pochi giorni dalla presentazione ufficiale del tecnico e del direttore sportivo, la società presieduta da Elisabetta Zelatore annuncia gli arrivi di Ninni Cannella, in qualità di addetto stampa e della signora Mariagrazia Sigrisi, a capo della segreteria. A fargli…

  • caturano-salvatore-lecce-leccesetteIT LECCE – Meluso blinda Caturano: “Lo vogliono? Costa almeno due milioni”. Agostinone saluta

    Ancor prima dell’inizio del campionato, il Lecce è costretto a difendersi da un attacco avversario. Non parliamo di sfide sul campo bensì dietro la scrivania, poiché il neo retrocesso Pisa si è lanciato a capofitto alla ricerca di un attaccante il cui profilo risponde al nome di Salvatore Caturano. Il tecnico dei toscani Carmine Gautieri ha…