Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LEGA PRO – Lecce e Foggia meglio di Bari e Cesena. Il doppio confronto-derby è già da Serie B

A rendere bollente il fine maggio del calcio italiano ci sono, più che le temperature miti, i sempre emozionanti e ricchi di pathos playoff, protagonisti in modo particolare nei campi di Serie B e Lega Pro. Proprio i destini di delle due categorie professionistiche che fanno uso della sopracitata formula di spareggio si intrecciano in questo periodo, visto che nel corso di questa settimana ben tre squadre pugliesi sono state impegnate (e alcune lo saranno ancora) nella ricerca del salto di categoria: Bari, Lecce e Foggia.

Volendo instaurare un paragone tra le due gare secche valide per i quarti di finale dei playoff per andare in Serie A, ovvero Bari-Novara e Cesena-Spezia, ed il doppio confronto-derby tra giallorossi e rossoneri, un dato risalta subito agli occhi. Dando uno sguardo alle affluenze registrate dai quattro match (il dato relativo agli spettatori della gara Foggia-Lecce è pressoché definitivo) e sommando i due di B ai due di Lega Pro, il risultato si va a bilanciare: 33mila spettatori totali (22mila a Bari più 11mila a Cesena, 15mila a Lecce più 18mila a Foggia, quest’ultimo dato potenzialmente in aumento a seconda della richiesta di biglietti dal settore ospiti). Nulla di scandaloso conoscendo la passione verso i propri colori da parte delle tifoserie del capoluogo dauno e di quello salentino, ma fare gli stessi numeri di due partite in cui in palio c’era una grossa fetta di massima serie è comunque un dato da prendere in grande considerazione. Senza dimenticare che solo gli ideali portati avanti dalle rispettive curve (entrambe non tesserate e quindi impossibilitate ad andare in trasferta) ha impedito l’invasione prima dei foggiani e poi dei leccesi, i quali hanno potuto (i primi) e, secondo alcune indiscrezioni, potranno (i secondi) godere di un maxi schermo per assistere al match in massa dalla propria città, episodio non avvenuto né a La Spezia né a Novara. Un altro segnale che fa la differenza, e mostra  quanto questo derby meriti palcoscenici migliori della Lega Pro.