Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LEGA PRO 2C – Brindisi stoppato, il Latina agguanta la vetta

Primo pareggio stagionale per il Football Brindisi, che non riesce a fare punteggio pieno contro il Campobasso, nonostante l’incontro abbia sicuramente prodotto più occasioni sotto porta per i biancazzurri che per gli ospiti, costretti ad attestarsi su un atteggiamento più difensivo, condizionati fortemente da ben 45 minuti di inferiorità numerica.

Per Florimbj, oggi in tribuna perché squalificato, stesso ordine tattico e stessi 11 in campo delle prime 3 gare di campionato, 4-3-3 invece per Mister Carannante,con Monti a centrocampo a dettare i tempi per Sivilla,Todino e Murati. È il Brindisi a partire subito in avanti, nelle primissime battute e dopo un’occasione con Piro, Ceccarelli conquista palla in area di rigore e serve un perfetto assist per Moscelli che indovina l’angolo più lontano ad Ascani. Uno a zero per i padroni di casa. Il Campobasso non sta a guardare e prova a recuperare: lo fa al 5’ con Monti che con un tiro dai 30 metri impegna severamente Marconato che si rifugia in corner. È sugli sviluppi proprio di quel corner che arriva il pareggio dei rosso blu molisani, ancora protagonista Monti che sul batti e ribatti, arriva al tiro appena fuori area, trovando la deviazione del compagno Di Fiordo che beffa l’estremo difensore biancazzurro.

Per il Football è un brutto colpo. Seguono minuti di confusione per i padroni di casa, nonostante questo però restano piuttosto sterili le manovre molisane. Compito principe degli avversari sembra piuttosto essere quello di arginare le manovre brindisine, costringendo quindi prima Cejas, poi Ceccarelli ed ancora Alessandrì a cercare tiri da fuori. Con il passare dei minuti sale la sicurezza degli adriatici che,soprattutto in avanti, cominciano ad impensierire e non poco la difesa Di Fiordo e compagni, tanto da costringere Carannante al 41’ al cambio tattico: fuori il capitano, Minadeo, sotto scacco di Moscelli, e dentro Maglione.

È probabilmente l’episodio cardine del’incontro: in sei minuti di gioco infatti lo stesso Minodeo riesce a rimediare ben due cartellini gialli, lasciando i propri compagni in inferiorità numerica per il resto della gara. Con il senno di poi la defaillance costa poco ai lupi molisani, che a fronte di un Brindisi sempre piu’ offensivo, fanno di necessità virtù, stringendo le linee e cercando di bloccare le proposte avversarie, bloccando a centrocampo le manovre di Cejas e Pizzolla. La prima occasione arriva debole con un tiro di Moscelli, Ceccarelli poi su proposta in area di Alessandrì sbaglia l’appoggio di testa in rete del pallone, a tu per tu con Ascani. I molisani ci provano da fuori con due tiri,rispettivamente di Cacciaglia e Monti, ma troppo deboli per impensierire Marconato. Al 20’ ancora Moscelli vicino al raddoppio con un tiro su passaggio del proprio compagno di reparto Ceccarelli, che finisce al lato del palo. Lo stesso Ceccarelli, al 29’ chiede un rigore per fallo di mano di un difensore molisano, ma l’arbitro non ascolta le proteste e lascia continuare.

Di Marcello cerca di dare una spinta in avanti alla squadra. Dentro Matarrazzo per Piro e Maiorino per Alessandrì, con La Rosa a centrocampo a dare man forte alle manovre dei compagni. È un assedio della metà campo avversaria. L’ultima occasione, limpidissima, per i padroni di casa, al 40’: Ceccarelli, decisamente poco lucido sotto porta, sbaglia però clamorosamente l’appuntamento con il gol, tirando alto un pallone praticamente destinato a finire in rete.

Finisce quindi in parità la quarta giornata di campionato per il Brindisi, meno convinto sotto porta rispetto alle altre gare ma comunque ben posizionato in campo e con 90 minuti alle spalle che fanno pensare ad un futuro rassicurante. I ragazzi di Florimbj perdono così il comando in solitario della classifica e vengono raggiunti a 10 punti dal Latina che in casa ha superato per 2-1 l’Avellino.

Speranze alte per i biancazzurri però, considerato che nel prossimo incontro potranno ancora calcare il terreno amico del Fanuzzi. Ancora un turno interno, infatti: prossimi avversari saranno i calabresi del Vigor Lamezia.

Brindisi 1912-Campobasso 1-1

Brindisi 1912: Marconato, Coduti, Fruci (93′ Lispi), Cejas, Taurino, La Rosa, Piro (66′ Matarazzo), Pizzolla, Ceccarelli, Alessandrì (87′ Maiorino), Moscelli. A disp.: Prisco, Pisa, Manoni, Di Matteo. All. Di Marcello (Florimbj – squalificato)
Campobasso: Ascani, Gennarelli, Posillipo, Minadeo (40′ Maglione), Barbato, Di Fiordo, Sivilla, Cacciaglia (65′ Coppola), Murati (77′ Marozzi), Monti, Todino. A disp.: Furlan, Fazio, Chiazzolino, Calamaio. All. Carannante
Arbitro: Vallorani (S. Benedetto del Tronto) assistito da Occhinegro (Roma) e Zuccaro (Napoli)
Reti: 2′ Moscelli, 4′ Di Fiordo
Ammoniti: Ceccarelli, Piro, Cejas, Monti, Ascani
Espulso: Maglione per doppia ammonizione

RISULTATI – Brindisi-Campobasso 1-1 2′ Moscelli (B), 4′ Di Fiordo (C)
Fondi-Catanzaro 1-1 23′ Agostinelli (F), 89′ Corapi su rig. (C)
Isola Liri-Vibonese 0-0
Latina-Avellino 2-1 15′ Tortolano (L), 44′ Polani su rig. (L), 80′ Fanelli (A)
Melfi-Matera 1-1 41′ Alassani (Mat), 84′ Scalzone (Mel)
Neapolis Mugnano-Pomezia 2-0 45′ e 46′ Longobardi (N)”
CLASSIFICA: Latina e Brindisi 10, Neapolis 9, Trapani e Vigor Lamezia 8, Melfi e Pomezia 7, Matera e Aversa Normanna 5, Avellino 4, Vibonese 3, Isola Liri, Campobasso e Fondi 2, Catanzaro e Milazzo 1.

Prossimo turno (26 settembre): Avellino-Isola Liri; Aversa Normanna-Neapolis Mugnano; Brindisi-Vigor Lamezia; Campobasso-Pomezia; Catanzaro-Matera; Latina-Trapani; Milazzo-Fondi; Vibonese-Melfi.