Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

L’AVVERSARIO – L’ex Inacio Pià guida la sorpresa del campionato: L’Aquila di G. Pagliari

Tra le tante squadre che, fino a questo momento, hanno sorpreso per andamento e prestazioni, i rossoblù del L’Aquila si sono dimostrati quelli con più organizzazione e continuità, conquistandosi di diritto la palma di “matricola terribile” della categoria.

Un po’ tutti eravamo rimasti sorpresi quando, esattamente quattro mesi fa, la banda guidata dal navigato Giovanni Pagliari era scesa in campo spavalda contro il temibile Lecce di Moriero ed era riuscita meritatamente ad espugnare il “Via del Mare. Trattandosi solo della seconda giornata, si parlò di un episodio. Dopo un’intero girone disputato e quando siamo ormai nel vivo del campionato, gli aquilani si trovano in piena corsa promozione a 28 punti (uno in più del Lecce e sette in meno del Perugia capolista), prova tangibile di come l’andamento positivo dei rossoblù, che solo cinque giornate fa erano solitari in vetta alla classifica, sia tutt’altro che un caso.

Il 4-3-3 è diventato ormai un dogma dalle parti della città abruzzese. Giovanni Pagliari ha costruito la sua squadra su una solida difesa che, grazie soprattutto all’esperienza di capitan Pomante e del terzino sinistro Dallamano ed all’aiuto di un centrocampo spesso molto basso, è in grado di contenere agevolmente gli attacchi avversari e far ripartire l’azione con micidiali contropiedi. A centrocampo spiccano le prestazioni di Lorenzo Del Pinto, tra i migliori elementi della categoria, in grado di contribuire alla fase difensiva e rendersi molto pericoloso in avanti grazie a tempestive incursioni. In attacco tutto gira attorno a Claudio De Sousa, già mattatore dei giallorossi all’andata e che può contare sugli assist dei veloci esterni offensivi (Frediani e Ciciretti in primis).

Proprio nel ruolo di esterno d’attacco, non è da escludere l’utilizzo di Inacio Pià, neorrivato dopo la scialba esperienza in Grecia al Larissa ed alla guida della colonia di ex giallorossi in terra abruzzese. Una colonia che ha perso da poche ore Di Maio, appena passato alla Torres, ma che conta ancora sul difensore Gianmarco Ingrosso e sull’esterno offensivo Vittorio Triarico.