Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

ECCELLENZA/B – I top e i flop della prima giornata

Diamo il via, oggi, a una nuova rubrica: “i Top e i Flop dell’Eccellenza”. Con un pizzico d’ironia proclameremo, al termine di ogni turno di campionato, i migliori e i peggiori del girone B della Premier League pugliese. Ma attenzione, questa non è una rubrica per permalosi!

Mandata in archivio la prima giornata di campionato, passiamo in rassegna il meglio e il peggio del massimo torneo regionale.

I TOP e i FLOP della 1a giornata del girone B di Eccellenza.

I TOP

CRISTIANO ANCORA (Martina) – Nel Martina che si presenta ai nastri di partenza come una delle grandi favorite, non poteva mancare la sua firma. Con una doppietta, Cristianone, come lo chiamavano i tifosi ai tempi del Taranto, trascina i biancazzurri alla vittoria nell’esordio in campionato. La apre e la chiude lui la gara col Castellaneta: rigore da manuale dopo mezzora di gioco, come un trattore solca l’erbetta dell’area avversaria in occasione della rete allo scadere. Esperienza e qualità al servizio di mister Pizzulli. USATO SICURO.  

ESTEBAN GIAMBUZZI (Matino) – Parla argentino quest’anno il Matino di Giuseppe Branà. Grazie anche a lui: Esteban Giambuzzi, alla sua prima esperienza col calcio pugliese, firma il blitz della Virtus sul campo del Massafra. Una perla su calcio di punizione, un colpo di fionda come quello con cui Davide sconfisse Golia. Ed ecco servita la sorpresa di giornata. Gol da tre punti, che vale all’esterno destro argentino il terzo centro consecutivo stagionale. E la terza vittoria in altrettante gare per il Matino. THREE IS A MAGIC NUMBER.

DE CAGNA OTRANTO – Inizio devastante per la De Cagna Otranto, che sbanca il campo del Racale per tre reti a zero. Dopo lo spavento iniziale (al 15’ i padroni di casa sprecano un calcio di rigore con Lopez), gli uomini di mister Manco si prendono la scena, trascinati dalla doppietta di Sebastian Meneses.  L’altra rete porta la firma di Gabriele Cisternino. Ventidue anni per il primo, 21 per il secondo. Beata gioventù. È di 23,6 l’età media della De Cagna Otranto, forse la più bassa del torneo. Valorizzazione dei giovani al centro del progetto. SE SON ROSE FIORIRANNO.

I FLOP

MANDURIA – Si conclude una settimana da incubo per i tarantini: prima la sconfitta per 3-0 con la Deghi in Coppa, che vuol dire addio alla competizione, poi lo scossone dell’esonero di mister Cosma, avvicendato dall’ex Ostuni Angelo Serio, infine il ko dell’esordio in campionato, ancora con la Deghi. Con un gol per tempo, di Paiano e Libertini, gli orange archiviano la pratica senza troppi patemi. La brutta notizia è che è mancata la reazione da parte dei biancoverdi. La buona è che la Deghi ritornerà tra un girone esatto. ASPETTANDO TEMPI MIGLIORI.

SOCCER MASSAFRA – Inizio di stagione da dimenticare per la corazzata giallorossa. Sbattuta fuori dalla Coppa per mano del Martina, la squadra di mister D’Alena bagna l’esordio in campionato con un clamoroso scivolone interno. Un concentrato di prime donne, incapace di avere la meglio sulla spensieratezza degli avversari. All’allenatore il compito di trasformare tanti bravi solisti in un’orchestra affiatata. ANCHE I RICCHI PIANGONO.

LOPEZ (Racale) – È l’emblema della giornata no della sua squadra. Calcia a lato un calcio di rigore e la musica cambia. Sulla strada che porta alla salvezza, sarà fondamentale provare a non perdere più punti in casa, specialmente se si ha di fronte una diretta concorrente. E domenica prossima il Racale è chiamato al riscatto in casa del Manduria. EHI TU, DELUSA!