Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: Racale-Manduria dell'andata
copyright: G. Cannella

ECCELLENZA/B – Playoff, playout, retrocessione diretta: il punto a 180 minuti dalla fine

A 180 minuti dalla fine, il campionato di Eccellenza girone B ha emesso i primi verdetti.

PLAYOFF – Capitolo playoff: in corsa ci sono Ugento (51, matematicamente primo del girone), Racale (42), Manduria (42) e Massafra (39). A parità di scontri diretti (2-2 e 1-1), il Racale è in vantaggio sul Manduria per la miglior differenza reti (+29 contro +17). Il regolamento prevede gli accoppiamenti 1ª-4ª e 2ª-3ª, gara unica sul campo della miglior classificata con eventuali supplementari; in caso di parità, va avanti la miglior classificata. Vige sia la “tagliola” dei sette punti nei suddetti accoppiamenti, sia quella degli otto punti tra prima e seconda. Se, dunque, tra prima e seconda, ci saranno almeno otto punti, la prima andrà direttamente in finale con la vincente del girone A.

L’Ugento ha nove punti di vantaggio sul Racale, secondo. Alla ripresa, ci sarà proprio Racale-Ugento. Se vincesse, l’Ugento andrebbe a +12 sul Racale e un’eventuale vittoria del Manduria contro il San Pietro manterrebbe le distanze dalla prima a -9. Sarebbe, dunque, decisiva l’ultima giornata e il Manduria dovrebbe sperare in una sua vittoria con l’Otranto e in una non vittoria dell’Ugento col Novoli.

Se, invece, il Racale battesse l’Ugento alla penultima, il distacco dalla prima posizione si ridurrebbe a sei punti e i playoff di girone sarebbero probabilmente inevitabili. In caso di pareggio Racale-Ugento, le distanze tra di esse rimarrebbero di nove punti, con la probabile ascesa del Manduria al secondo posto (battendo il San Pietro) a -7 dai giallorossi. Il Massafra, attuale quarto, deve vincere entrambe le sfide rimanenti (Novoli e Ginosa) e sperare in qualche scivolone di chi la precede.

RETROCESSIONE E PLAYOUT – Dopo la radiazione dell’Ostuni, le retrocessioni dirette in Promozione sono diventate due. Matematicamente ultimo e retrocesso il San Pietro Vernotico (9); stesso esito per il Mesagne (17) e per il Maglie (18), che deve ancora riposare e che, quindi, ha da giocare una sola altra partita. Oltre alle due retrocessioni dirette, il regolamento di quest’anno ne prevede altre tre attraverso i playout con gli accoppiamenti 6ª-11ª, 7ª-10ª e 8ª-9ª e con la regola dei sette punti: se in tali accoppiamenti, la miglior classificata ha almeno sette punti in più della peggior classificata, il match non si gioca e retrocede direttamente la peggiore delle due.

Allo stato attuale, quindi, sarebbero coinvolte nella corsa playout, Arboris Belli (35 e con una sola partita da giocare), Ginosa (34), Matino (33), Brilla Campi (32), Novoli (28). Sulla carta ha risicate speranze di playout anche l’Otranto (20), che, nella migliore delle ipotesi, sarebbe decimo con 26 punti e deve sperare che la settima non abbia più di 32 punti (al momento la settima è il Matino con 33). Retrocesso matematicamente il Maglie (18, con una sola gara ancora da giocare).

GIORNATA 25 – 12ª rit. 
(07.04.2024 h 16)

Manduria-S. Pietro Vernotico
Brilla Campi-Otranto
Arboris Belli-Mesagne
Novoli-S. Massafra
Atl. Racale-Ugento
Ginosa-V. Matino

Riposa Toma Maglie

GIORNATA 26 – 13ª rit. – ULTIMA 
(14.04.2024 h 16)

S. Pietro Vernotico-Toma Maglie
Mesagne-Atl. Racale
V. Matino-Brilla Campi
S. Massafra-Ginosa
Otranto-Manduria
Ugento-Novoli

Riposa Arboris belli