GALLIPOLI – Carrozza, ufficiale il ritorno a casa: “Grande amore per questa squadra e questa città”

Carrozza: "Per la salvezza serve tranquillità e tanta consapevolezza nei propri mezzi"

carrozza-alessandro

Foto: A. Carrozza con i fratelli Vincenzo e Stefano Carrozza

“Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”. Così cantava Antonello Venditti in “Amici mai”, ritornello che oggi calza alla perfezione con il ritorno di Alessandro Carrozza nella sua Gallipoli. Come vi avevamo annunciato giorni fa, infatti, il sodalizio ionico ha deciso di mettere sotto l’albero di Natale giallorosso un regalo di quelli che non può non infiammare una piazza abbattuta dagli ultimi risultati.

Un profilo quello di Alessandro Carrozza che non ha certo bisogno di presentazioni e che darà sicuramente una marcia in più nella corsa per la salvezza alla squadra e a tutto l’ambiente gallipolino. In esclusiva per SalentoSport abbiamo ascoltato le prime sensazioni dell’attaccante ex Atalanta: “Dopo tanto girovagare in Italia e nel Salento ho sentito la necessità di ritornare ad indossare i colori della mia Gallipoli – esordisce Carrozza, perché l’amore per questa squadra e per questa città, per me, è stato sempre immenso e appena svincolatomi dal Nardò ho subito preso in considerazione un ritorno nella mia terra. Ringrazio tutta la società per questa possibilità datami, cercherò di ripagarli nel migliore dei modi; inoltre ringrazio anche i fratelli Carrozza, Stefano e Vincenzo, che ritengo siano stati fondamentali in questa trattativa, persone serie e con il Gallipoli nel sangue”.

Alessandro Carrozza, in questa “nuova” avventura , ritroverà Christian Cimarelli, suo compagno di squadra proprio a Gallipoli, ai tempi della Serie C1 nell’annata 2006-2007, con l’allora allenatore giallorosso Gaetano Auteri: “Con Christian mi lega un’amicizia da oltre dieci anni – racconta – , lo conosco molto bene e conosco molto bene anche il suo credo calcistico. Anche la sua presenza è stata molto importante per la chiusura di questa trattativa, ma ripet , l’amore per questa città è stata la mia spinta in più. Oltre al mister conosco alcuni dei componenti di questa squadra e credo che di qualità ce ne sia abbastanza, ora serve tranquillità e tanta consapevolezza nei propri mezzi, solo così potremo centrare il nostro obbiettivo”.

In chiusura Carrozza lancia un messaggio a quelli che sono stati i suoi tifosi per diversi anni chiedendo sostegno: “Conosco il calore e la passione di questa piazza, capisco anche che la situazione di classifica vada un po’ stretta per quelle che sono le loro pretese, ma già da inizio anno si sapeva che non sarebbe stato facile. Quindi a loro chiedo di starci sempre vicino e non lasciarci mai soli, perché come dimostrato negli anni questo pubblico può essere un fattore e nella corsa alla salvezza -conclude – anche loro dovranno svolgere un ruolo fondamentale”.

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati