Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

GALATINA-OTRANTO – Gioia idruntina con Indirli e Villani, Pro Italia nei guai

Nella giornata delle emozioni forti per Andrea Salvadore, che affrontava l’Otranto per la prima volta da avversario, la formazione di Gigi Bruno si impone per 2-0 sul Galatina, condannando i biancostellati al quarto kappaò consecutivo. Una bella boccata d’ossigeno, invece, per Mariano e compagni, protagonisti di un avvio di stagione decisamente positivo.

La Pro Italia prova a condurre le operazioni e costruisce alcune buone opportunità per trovare il gol ma al 20’ Indirli è il più lesto ad avventarsi su un pallone vagante nel cuore dell’area di rigore ed a trafiggere Esposito. In chiusura di tempo, poi, l’intervento di Deffo viene punito dal direttore di gara con il penalty in favore del team idruntino tra le vibranti proteste biancostellate. Dagli 11 metri Villani non sbaglia ed al riposo gli ospiti ci vanno forti del doppio vantaggio.

Che sia una giornata completamente storta per il Galatina lo si capisce a ridosso del quarto d’ora della ripresa, quando la formazione di Salvadore avrebbe la miglior occasione per riaprire la contesa: calcio di rigore, della cui battuta si incarica Pavon il quale, tuttavia, si lascia ipnotizzare da Caroppo. Lo 0-2 resiste fino al triplice fischio: festa per i sostenitori idruntini, amarezza per i sostenitori della Pro Italia la cui posizione di classifica inizia ad essere allarmante.


Sogliano Cavour (Le), stadio comunale
Domenica 29 ottobre 2017 ore 14.30
Eccellenza 2017/2018 – 8a giornata

GALATINA-OTRANTO 0-2
Reti: 20′ Indirli, 45′ Villani

GALATINA: Esposito, Versace (78′ Greco), Tortosa (64′ Calò), Gogovsky, Ruano, Deffo, Gonzalez, Pavon, Rizzo, De Giorgi, Mosca (70′ Cisternino). A disposizione: Petrelli, Margagliotti, Inguscio, Melissano. All.: Salvadore
OTRANTO: Caroppo, Zappulli, Indirli, Buono, Citto, Mancarella, Vergari, Mariano, Ciriolo (74′ Sindaco), Villani (59′ DIarra), Delle Donne (89′ Portaluri). A disposizione: Caroppo F., Rosafio, Bolognese, Palazzo. All.: Bruno
Arbitro: Natilla di Molfetta