Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CASARANO-HELLAS TARANTO – Un Quarta ispirato non basta alle Serpi, è pareggio

Il Casarano non riesce a superare l’Hellas Taranto ed alla fine deve accontentarsi dello 0-0. I rossazzurri, che schierano in campo dal primo minuto il neoacquisto Iunco, partono subito forte, rendendosi pericolosi in due circostanze con Quarta, sulle cui iniziative, però, Maraglino fa buona guardia. Gli ospiti ringhiano in difesa e non fanno sconti agli uomini in attacco di Sportillo, che svariano sul fronte offensivo alla ricerca degli spazi utili a colpire. Al 18′ è Casalino a provarci con un colpo di testa, centrale, sugli sviluppi di un calcio di punizione di Caputo. La gara è spesso interrotta per interventi decisi in mezzo al campo, con gli ospiti che si fanno vedere, sul finire del primo tempo, con due conclusioni dal limite. Ci prova Cantoro, in corsa, al 39′, e poco dopo Collocola, con il destro, ma la sua esecuzione viene bloccata a terra da Mirko Casalino. Poco prima del recupero, Caputo, dopo diversi colpi subiti nell’area avversaria, deve abbandonare il terreno di gioco: al suo posto D’Arcante.

Nella ripresa i ritmi calano vistosamente ed il Casarano, abile nel palleggio, ne approfitta per chiudere nella propria metà campo la squadra avversaria. La squadra di Renna prova ad uscire con Kunde, che tenta la fortuna con una conclusione dalla lunga distanza, bloccata, senza problemi, da Mirko Casalino. Pochi minuti dopo, al 51′, l’Hellas Taranto perde Visconti: il numero 3 falcia Portaccio con un’entrata in netto ritardo e il direttore di gara, il signor Salomone, non esita a spedire il laterale mancino sotto la doccia, con un rosso diretto. I padroni di casa provano a sfruttare l’uomo in più e vanno vicinissimi al vantaggio, al 69′: su un cross di Portaccio, dalla destra, Quarta sfrutta il rimbalzo del pallone per colpire di testa, ma la sfera si stampa sulla traversa e viene allontanata dagli avversari.

Passano pochi minuti ed è Schirinzi a sfiorare, per pochi centimetri, il gol del vantaggio: percussione dalla sinistra e bolide mancino dai venti metri che manca, di poco, la porta difesa da Maraglino. Sul forcing finale dei padroni di casa, imprecisi negli ultimi metri, è Rosciglione, gettato nella mischia nell’ultimo quarto d’ora, a creare pericoli in area avversaria: su un colpo di testa del numero 15, sul secondo palo, Quarta manca di un nulla il tocco vincente sotto porta. Si chiude qui il match, a reti inviolate. Giovedì squadre di nuovo in campo per il turno infrasettimanale.

QUI IL TABELLINO DI CASARANO-HELLAS TARANTO