Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CALCIO AMATORIALE – Salentodorica, si spegne il sogno playoff scudetto. Lasciano i fratelli Chirivì

Si è infranto martedì scorso, agli ottavi di finale, il sogno playoff scudetto categoria Golden (Csi Bologna) della SalentoDorica. I salentini, privi in campo di Chaoufi, Cassiano e dei fratelli Chirivì, hanno affrontato a viso aperto i Bombers, squadra tecnicamente dotata, vincitrice del proprio girone di Golden Liga. Alessio Chirivì, factotum della SalentoDorica, impossibilitato a scendere in campo, ha guidato i suoi uomini dalla panchina con grinta e determinazione.

Giallorossi in campo con Iescone tra i pali, capitan Scarpetti e Manini in difesa, Salvino e Totaro sulle fasce, Irrera a centrocampo e Sebasta in attacco, con a disposizione Rimondini, Lepore e Marino. Pronti via e l’arbitro Ciaccia, bestia nera per i salentini, decreta subito un calcio di rigore contro la SalentoDorica per un presunto fallo di mano di Scarpetti in area. Ed è subito uno a zero per i Bombers. Ma la SalentoDorica ci mette grinta e voglia di vincere e rimonta il risultato, prima pareggiando su punizione con Irrera, poi con un gol di testa di Sebasta su assist di Manini. Pochi minuti prima del riposo, però, arriva il pari dei Bombers.

Nella ripresa i Bombers attaccano a testa bassa ma la SalentoDorica non ha intenzione di fare la vittima sacrificale. Nonostante un uno-due che porta i Bombers sul quattro a due, i salentini reagiscono e accorciano le distanze ancora una volta con Irrera su assist di Sebasta.

Il finale di partita è rovente con la SalentoDorica catapultata in avanti e i Bomber che prendono due traverse e siglano il cinque a tre a pochi minuti dalla fine. Ma prima dei tre minuti di recupero decretati dall’arbitro Ciaccia, la SalentoDorica, grazie a una autorete accorcia nuovamente le distanze. Il finale è un arrembaggio giallorosso che però non regala l’emozione di un pareggio francamente meritato.

Si esce con l’amaro in bocca. La SalentoDorica saluta il suo campionato e tutto il CSI con un pizzico di rammarico per una stagione che avrebbe potuto regalare molte più soddisfazioni.

Si spengono i riflettori sulla squadra salentina, si spera non definitivamente e non a lungo termine. Ma la fine della gestione Chirivì, per problematiche personali e societarie è decisamente arrivata. C’è tristezza in casa SalentoDorica, si spera che qualcuno possa caricarsi degli oneri e degli onori di questa società e possa garantire la sua presenza nel corso dei campionati a venire.

La SalentoDorica e, in prima persona Alessio Chirivì, ringrazia vivamente e affettuosamente salentosport.net e tutto il suo staff per aver seguito e raccontato le imprese giallorosse, tra alti e bassi, in questi sette meravigliosi anni. Speriamo sia un arrivederci e non un addio.