Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

OLIMPIADI DEL SALENTO – Calcetto, scadenza iscrizioni il 15 giugno, ecco il regolamento

Le Olimpiadi del Salento sono una manifestazione sportiva a carattere non agonistico. Lo spirito della manifestazione è quello di affermare e consolidare i valori dello sport coniugando competizione e passione, fairplay e rispetto, in un torneo tra tutte le città del Salento con finalita’ ricreativa e di promozione dello “sport per tutti”.

CHI PUÒ PARTECIPARE – Il campionato di Calcio a 5 Maschile delle Olimpiadi del Salento 2012 è aperto a tutti secondo i criteri richiesti dal seguente regolamento.

Il campionato è diviso in 5 categorie:
over 30 (dal 1967 al 1982)
under 30 (dal 1983 al 1995)
under 17 (dal 1996 al 1999)
under 13 (2000, 2001)
under 10 (2002, 2003)
Il numero massimo di squadre per ogni categoria è 12.

Ogni squadra dovrà indicare il nome della città per cui gioca e potr”agrave; essere formata da un minimo di 8 giocatori fino ad un massimo di 10. Può partecipare qualsiasi atleta, italiano o straniero. Non è necessario essere tesserati ad una Federazione o ad un Ente di Promozione Sportiva. I componenti della squadra possono essere non residenti nella città che si sta rappresentando.
Non possono partecipare tesserati F.I.G.C. che giocano in serie C o categorie superiori. Il numero massimo di giocatori tesserati F.I.G.C. di serie D che si potrà schierare in campo è di 1.

La sostituzione di un giocatore a torneo iniziato è prevista solo per infortunio o in casi eccezionali che saranno valutati dall’organizzatore. Il sostituto non dovrà aver giocato con altre squadre, anche se già eliminate.

ISCRIZIONE – Un responsabile della squadra dovrà compilare entro e non oltre il 15 giugno il modulo di richiesta iscrizione che sul sito ufficiale. La segreteria provvederà a ricontattare il responsabile comunicando se la squadra potrà procedere all’iscrizione e versare la quota secondo le modalità comunicate.

Le quote di partecipazione per il Campionato di Calcio a 5 sono le seguenti:

ISCRIZIONE 150,00 € a squadra per over 30, under 30, under 17
120,00 € a squadra per under 13 e under 10
+
ASSICURAZIONE BASE 3,00 € a persona (per i dettagli clicca qui)

Assicurazione: i giocatori che desiderano elevare le garanzie assicurative hanno a disposizione le seguenti soluzioni integrative (per i dettagli clicca qui):
Integrativa Sport
Super Integrativa Sport

Ogni giocatore dovrà essere in possesso di un documento di identità non scaduto e di un certificato medico generico. A maggiore tutela della salute del giocatore, se di età maggiore o uguale a 14 anni questi dovrà essere in possesso di un certificato medico agonistico valido per il mese di agosto 2012.

Con l’iscrizione alle Olimpiadi ogni giocatore verrà tesserato all’ente di promozione sportiva ACSI, con la quale si riceverà l’assicurazione sopra citata. Nella quota di iscrizione alle Olimpiadi del Salento è compreso il tesseramento ACSI, l’arbitraggio delle partite e il noleggio dei campi.

La rosa dei giocatori potrà essere modificata fino al 20 luglio.

Nota: Nel caso si fosse già raggiunto il numero massimo di squadre per categoria, o non si raggiunga il numero minimo di squadre per categoria, la segreteria comunicherà alla squadra l’impossibilità a procedere alla stessa.

STRUTTURA DEL TORNEO – Ogni categoria prevede lo svolgimento di un torneo composto da una fase a gironi seguita da una fase ad eliminazione diretta.

La struttura finale del Campionato verrà stabilita e comunicata dalla segreteria delle Olimpiadi dopo la fine delle iscrizioni. Le squadre iscritte saranno divise in vari gironi (il numero dei gironi e la loro composizione dipenderanno dal numero di squadre totali). Le partite si disputeranno in orario serale, a partire dalle ore 19:00.

Il calendario verrà stabilito mercoledì 18 luglio durante la conferenza stampa di presentazione delle Olimpiadi del Salento 2012. Il calendario verrà pubblicato sul sito www.olimpiadidelsalento.it. Le squadre che comporranno ogni singolo girone verranno estratte a sorte. Durante la fase a gironi ogni squadra sfiderà le altre del proprio girone una sola volta.

Il tempo regolamentare di ogni incontro è diviso in due tempi da 20 minuti.

Ai fini della classifica, saranno assegnati 3 punti per la vittoria, 1 punto per il pareggio, 0 punti per la sconfitta.

Se al termine della fase a gironi ci fossero due o più squadre a parità di punti nello stesso girone, per determinare la posizione in classifica si terrà conto nell’ordine:
punti conseguiti negli scontri diretti;
migliore differenza reti conseguita negli scontri diretti;
migliore differenza reti in classifica generale;
maggior numero di reti segnate in classifica generale;
sorteggio.
Accedono alla fase ad eliminazione diretta:
Tutte le 1° classificate di ogni girone
Le migliori 2° classificate in un numero variabile che dipenderà dal numero totale di squadre is- critte al torneo e che verrà comunicato entro il 30 giugno.
Durante la fase ad eliminazione, in caso di parità si svolgeranno due tempi supplementari da 5 minuti ciascuno. Nel caso di ulteriore parità si ricorrerà ai calci di rigore: cinque per ogni squadra. Nel caso la parità dovesse persistere si procederà ad oltranza (i calci di rigore dovranno essere tirati da tutti i calciatori presenti in distinta). La vincente della partita accederà al turno successivo.

Le squadre vincenti delle semifinali giocheranno fra loro una partita per il 1° e 2° posto.
Le squadre perdenti delle semifinali giocheranno fra loro una partita per il 3° e 4° posto.

Nello spirito delle Olimpiadi saranno premiate con una medaglia le prime 3 classificate di ogni categoria. Sul sito www.olimpiadidelsalento.it sarà possibile consultare il medagliere di ogni città.

REGOLAMENTO

Art. 1 Ogni squadra deve presentarsi presso la segreteria organizzativa almeno 20 min prima dell’incontro per il riconoscimento dei suoi giocatori che dovranno essere muniti di carta di identità.

Art. 2 Sul campo di gioco potranno entrare, per ogni squadra, un massimo di 10 giocatori più un accompagnatore ufficiale.

Art. 3 Ogni squadra dovrà presentarsi con la propria maglia, dello stesso colore. Se le due squadre avranno maglie simili, verranno equipaggiate di casacche.

Art. 4 Ogni squadra può effettuare un numero illimitato di sostituzioni per partita. Il cambio dei giocatori va effettuato in situazione di gioco fermo senza bisogno d’autorizzazione da parte dell’arbitro.

Art. 5 In caso di assenza della squadra avversaria, quella presente vincerà la partita a tavolino per 5-0. La stessa regola verrà applicata anche nel caso una squadra faccia un ritardo di 20 minuti rispetto all’orario fissato dal calendario. Qualora le squadre, in accordo con l’organizzatore, decidessero di giocare nonostante il ritardo, verrà omologato il risultato conseguito sul campo: non si accetterà nessun ricorso.

Art. 6 A prescindere dalle condizioni meteorologiche le squadre hanno il dovere di presentarsi sul terreno di gioco e sarà l’arbitro a decidere sulla possibilità o meno di disputare la gara. Nel caso una squadra decida di non presentarsi verrà sanzionata secondo le norme previste all’Art. 5 del presente regolamento.

Art. 7 Qualora una gara venisse rimandata a causa dell’impraticabilità del campo da gioco, il giorno, l’orario ed il campo su cui la partita verr”agrave; recuperata saranno decisi tassativamente dall’organizzatore.

Art. 8 Ogni squadra dovrà attribuire ad un proprio giocatore il ruolo di capitano che avrà il compito di far mantenere a tutti i componenti della propria squadra una condotta regolamentare e sportiva e sarà l’unico che potrà dialogare con l’arbitro.

Art. 9 Ogni calciatore ha a disposizione 4 secondi per effettuare le seguenti riprese di gioco: rimessa laterale, calcio d’angolo, rimessa del portiere, calci di punizione. Se entro 4 secondi non si riprende il gioco oppure non si chiede all’arbitro il rispetto della distanza regolamentare, si avrà la medesima ripresa di gioco a favore della squadra avversaria, eccezione fatta per il calcio d’angolo (in cui la squadra avversaria batterà un calcio di punizione indiretto all’intersezione delle linee perimetrali dalla parte in cui è stato battuto il calcio d’angolo). Nel momento in cui si chiede all’arbitro il rispetto della distanza regolamentare, il gioco deve essere ripreso dopo il fischio dell’arbitro.

Art. 10 La rimessa del portiere deve essere fatta esclusivamente con le mani e la rimessa stessa può anche superare la metà campo avversaria. Da rimessa del portiere, lo stesso deve spossessarsi del pallone a favore di un compagno (o avversario), cioè il portiere su rimessa dal fondo non può appoggiare il pallone a terra e giocarlo con i piedi, cosa che invece può fare quando il portiere blocca il pallone su un tiro avversario.

Art. 11 Per quanto riguarda il retropassaggio volontario di un compagno al proprio portiere, vale la regola del calcio, cioè il portiere può prendere il pallone con le mani solo se lo stesso è stato giocato con la testa, con il petto, con il ginocchio o con la coscia. In tutti gli altri casi, il portiere può toccare il pallone solo con i piedi (ciò vale anche su retropassaggio dopo la battuta di una rimessa laterale).

Art. 12 Le rimesse laterali vanno battute con i piedi collocando il pallone sulla linea o dietro la linea entro 4 secondi. Il pallone deve essere fermo. Se non si rispettano queste 2 condizioni sarà accordata una rimessa laterale alla squadra avversaria nel medesimo punto.

Art. 13 Negli impianti ove vi sia la rete sopra il terreno di gioco, quando il pallone tocca la stessa, il gioco sarà ripreso con una rimessa laterale da parte della squadra avversaria nel punto in corrispondenza del tocco stesso.

Art. 14 Le scivolate sul pallone (con avversario a distanza di gioco) vanno punite con il calcio di punizione indiretto. Viceversa le scivolate che toccano anche gli avversari in modo violento, sono punite con il calcio di punizione diretto (se in area calcio di rigore).

Art. 15 Non vi sono tiri liberi, pertanto non essendo i falli cumulabili, il vantaggio sarà accordato dall’arbitro a sua discrezione.

Art. 16 Qualora un giocatore, durante la partita o fuori dal campo, si comporti in maniera irregolare, antisportiva, violenta, verrà sanzionato dall’arbitro con l’ammonizione o con l’espulsione, secondo la gravità del caso.

Art. 17 Il giocatore espulso non potrà più prendere parte alla gara e non potrà sedere sulla panchina dei sostituiti. Al suo posto potrà entrare in campo un altro giocatore.

Art. 18 Se un giocatore raggiungerà le tre ammonizioni verrà squalificato per un turno.

Art. 19 Un giocatore espulso direttamente verrà squalificato per il turno successivo, salvo maggiori sanzioni che potranno essere adottate dall’organizzatore.

Art. 20 Se un giocatore verrà espulso per doppia ammonizione verrà squalificato per il turno successivo.

Art. 21 La squadra che farà giocare un calciatore squalificato o non conforme al regolamento perderà la partita a tavolino per 5-0 nonchè quelle precedenti in cui lo stesso giocatore è stato schierato.

Art. 22 Se una squadra riscontra delle irregolarità nella squadra avversaria, dovrà comunicarlo all’arbitro. Se l’arbitro deciderà di disputare comunque la gara, varrà il risultato conseguito sul campo: non saranno accettati ricorsi.

Art.23 Il calendario deve essere tassativamente rispettato: non saranno accettate richieste di rinvio o anticipo delle gare o di variazione dei campi, salvo casi eccezionali che dovranno essere comunicati all’organizzatore almeno 2 giorni prima. La data della gara sarà comunque modificata solo se entrambe le squadre saranno d’accordo. L’organizzatore si riserva il diritto di modificare orari e campi, per cause di forza maggiore, e le squadre saranno sempre tenute al rispetto di tali decisioni.

Art. 24 Al momento dell’iscrizione ogni giocatore è tenuto a firmare una liberatoria che autorizzerà gli organizzatori alla pubblicazione cartacea e digitale, anche attraverso il web, delle fotografie e dei video ritraenti la propria persona ripresi esclusivamente durante lo svolgimento della manifestazione.

Art. 25 Ciascun giocatore è responsabile di eventuali danni provocati dalla propria persona alle strutture di gara e a tutte le strutture presenti sul luogo della manifestazione.

Art. 26 I singoli giocatori saranno responsabili per quanto riguarda la normativa di tutela sanitaria dell’attività sportiva.

Art. 27 Con la propria iscrizione ogni giocatore accetta questo regolamento ed eventuali modifiche.

Art. 28 Tutti i reclami dovranno essere inviati a info@olimpiadidelsalento.it o presentati presso la segreteria delle Olimpiadi entro e non oltre 2 giorni dalla disputa della partita.

L’ORGANIZZATORE DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ DA EVENTUALI INFORTUNI DI GIOCO E PER EVENTUALE SMARRIMENTO O FURTO DI OGGETTI INCUSTODITI.

L’ORGANIZZAZIONE, PER MOTIVI TECNICO-ORGANIZZATIVI SI RISERVA DI APPORTARE MODIFICHE AL REGOLAMENTO CHE SI RITERRANNO NECESSARIE.

PER QUANTO NON ESPLICITAMENTE NON RIPORTATO NEL PRESENTE REGOLAMENTO, VERRÀ PRESO IN CONSIDERAZIONE IL REGOLAMENTO F.I.G.C.