Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LAST BET – Conte a testa alta: “Tutti sanno chi sono. Col Siena campionato pulito”

In una conferenza stampa che non prevedeva domande da parte dei giornalisti, Antonio Conte, in compagnia del presidente della Juventus Agnelli, si difende in seguito al coinvolgimento nell'inchiesta "New Last Bet": "Tutti conoscono l'uomo Antonio Conte. Quella con il Siena dell'anno scorso è stata un'impresa sudata, che nessuno potrà toglierci. Ribadisco la mia totale estraneità ai fatti contestati. La mia storia sia da calciatore che da tecnico è chiara. Chiedete ai miei ragazzi, ai miei ex compagni, o anche agli avversari: Antonio Conte è uno che vuole vincere, con il lavoro, i sacrifici e tanta umiltà. Ho anche subito un'aggressione davanti a mia moglie e mia figlia di due anni per conservare la mia integrità morale".

"Sono indagato per associazione a delinquere -prosegue il tecnico leccese- ho avuto una perquisizione e io a casa non c'ero neanche. Ho letto il provvedimento e mi chiedo: come mai non sono stato chiamato dal pm di Cremona prima di subire una perquisizione e diventare indagato? Mi sarei aspettato di essere ascoltato prima di essere sottoposto a tutto questo".