Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CALCIO FEMMINILE – Paolo e D’Amico, la Salento Women Soccer stende l’Apulia Trani

La Salento Women Soccer espugna il comunale di Ruvo con un rotondo 3-1 e si conferma bestia nera dell’Apulia Trani, mai vittoriosa contro le giallorosse. Grazie ai tre punti conquistati domenica, capitan Serena D’Amico e compagne scalano la classifica attestandosi al quart’ultimo posto con 12 punti, gli stessi del Trani che però è in svantaggio negli scontri diretti (2-2 all’andata e 1-3 al ritorno), seguono il Dream Team Napoli e il fanalino di coda Eleonora Folgore Marsala che nel frattempo è già retrocesso in serie C.

Le giallorosse, che si sono presentate in campo prive delle indisponibili Bergamo e De Iaco, sono state protagoniste di una buonissima prestazione frutto di ottime trame di gioco e di alcune situazioni tattiche provate a lungo durante la settimana. Dopo aver corso il rischio di andare in svantaggio sul tiro di Riccio sul quale il portiere Barletta ha compiuto un miracolo, le salentine sono andate in vantaggio su schema da corner: cross perfetto di Monica Pinto per l’inzuccata vincente di Carolina Paolo, con il pallone che termina alle spalle di Mariano dopo una deviazione fortuita e comunque ininfluente di Delvecchio. Poco dopo, la Salento Women Soccer ha la possibilità di raddoppiare con Sharon Cazzato il cui pallonetto da fuori area supera Mariano ma termina sul fondo dopo aver accarezzato il palo esterno.

All’inizio della ripresa l’uno-due di D’Amico, ancora una volta decisiva contro il Trani, manda al tappeto la formazione di Mannatrizio e Iorio. All’11’ il capitano delle giallorosse, marcata a tutto campo e fermata spesso con le maniere forti, sfrutta l’assist al bacio di Lucia Martiriggiano e con una girata di destro spedisce il pallone nel sacco. Dopo due minuti, è Cazzato a innescare D’Amico che dà vita a un corpo a corpo con Delvecchio e dopo essersi liberata della marcatura si presenta sola davanti a Mariano che è costretta a capitolare per la terza volta. A questo punto le giallorosse dilagano e la scatenata D’Amico sfiora la tripletta con un destro che questa volta Mariano intercetta. Poco dopo Cazzato supera in dribbling tre avversarie dopodiché cerca il gol con un destro a giro, il portiere tranese però è attenta e para in due tempi. Nel finale, il Trani accorcia le distanze con un colpo di testa di Sgaramella che nei minuti di recupero spedisce sul fondo un calcio di rigore concesso con grande generosità dal direttore di gara. Finisce 3-1 e per le giallorosse è ancora festa, la replica di quella consumata a maggio scorso in occasione dello spareggio salvezza vinto per 1-0 con gol di D’Amico davanti a circa mille tifosi tranesi.

“E’ stata una vittoria strameritata – sottolinea il capitano della Salento Women Soccer, Serena D’Amico. A parte una disattenzione in avvio di partita, cui ha posto rimedio il nostro portiere, poi abbiamo subito un altro tiro nello specchio della porta soltanto sul punteggio di 3-0 quando ormai pensavamo già ai festeggiamenti. Il Trani continua a portarmi fortuna anche se sono molto felice per la nostra vittoria che dà continuità ai buoni risultati ottenuti nel girone di ritorno. Avendo già conquistato la salvezza ora puntiamo a chiudere degnamente la stagione cercando di arrivare più in alto possibile”.

Domenica prossima la Salento Women Soccer affronterà a San Donato la capolista Chieti.


IL TABELLINO

APULIA TRANI-SALENTO WOMEN SOCCER 1-3
RETI: 10’pt Paolo (SWS), 11’st e 13’st D’Amico (SWS), 40’st Sgaramella (AT)

APULIA TRANI: Mariano, Spallucci, Delvecchio, De Marinis, Chiapperini, Iorio, Sgaramella, Volpe (22′ st Laurora), Cagiano, Mariano (39′ st Di Cinque), Riccio (25′ st Sibilano). In panchina: Di Cillo, Camero, Mergola. Allenatore Mannatrizio-Iorio.

SALENTO WOMEN SOCCER: Barletta, Bocchinfuso, Paolo, Longo, Zaccaria, Martiriggiano, Cucurachi, Pinto (28′ st Rollo), Guido, D’Amico, Cazzato. In panchina: Gaetani, Ouacif, Calogiuri, Lupo, Faggiano, D’Oria. Allenatore Vera Indino.

Arbitro: Scatena di Avezzano.

Note: spettatori circa duecento. Ammonite: Mariano, Delvecchio, Zaccaria, D’Amico. Recupero: pt 3′; st 4′.