CALCIO – Buffon: “So quello che dico, mi prendo le mie responsabilità . Monti? No comment”

"Meglio due feriti che un morto", aveva dichiarato Gigi Buffon qualche giorno fa, in riferimento a eventuali taciti accordi tra le squadre a fine stagione. "Non posso dire quello che realmente cuore e mente pensano. Ho avuto l'ennesima conferma che alla fine le persone con la coscienza a posto e senza scheletri nell'armadio non possono esprimere il proprio pensiero. Credo che la prima cosa da preservare sia la democrazia, la libertà: per questo poi accetto le critiche e mi prendo le responsabilità, però dispiace sentire poi da voi (i giornalisti, ndr) delle paternali. Se per quelle frasi sarò ascoltato in Procura? Non lo so, il brutto è che le cose si apprendono sempre dai media e giorni prima".

Il portierone di Juventus e Nazionale commenta poi le parole di Monti, che provocava l'ambiente immaginando una totale sospensione del calcio per qualche anno: "Non mi permetto di proferire verbo sulla questione -chiarisce Buffon-. Parliamo sempre del presidente del Consiglio, la nostra massima autorità, sicuramente una persona capace e di buon senso. La risposta migliore, che è poi quella vera, l'ha data il presidente della Federcalcio Gianluca Abete".

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati