Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: Volley Galatone (B/m)

VOLLEY – Serie B/m, B1/f: risultati 23.04.2023, classifiche, prossimi turni

VOLLEY B/m GIRONE H

RISULTATI (giornata 24): Athena NA-Olimpia SBV Galatina 3-1, Taviano-Joivolley Gioia 0-3, Casoria-Mesagne 3-1, Leverano-Grottaglie 1-3, Galatone-Pomigliano 3-0, Pol. Matese-Marigliano 1-3, Pozzuoli-Comcavi Torre Annunziata 3-0.

CLASSIFICA: Galatone 64 – Grottaglie 60 – Leverano, Joivolley Gioia 57 – Marigliano 41 – Pomigliano 37 – Taviano 34 – Comcavi Meta Torre Ann. 32 – Pozzuoli 31 – Casoria 29 – Athena NA 21 – Olimpia SBV Galatina 16 – Pol. Matese 14 – Mesagne 11.

PROSSIMO TURNO (29 apr.): Joivolley Gioia-VC Grottaglie, Comcavi Meta Torre Ann.-Casoria, Pozzuoli-Leverano, Olimpia SBV Galatina-Taviano, Mesagne-Athena NA, Marigliano-Galatone, Pomigliano-Pol. Matese.

(US Volley Galatone, Stefano Manca) – Ventesima vittoria di fila e sette punti di distacco dalla terza in classifica: l’Allianz Colazzo Galatone conquista matematicamente i playoff per la serie A. I ragazzi di mister Cavalera domenica al palasport di Galatina hanno sconfitto 3-0 i campani dell’Elisa Volley Pomigliano inanellando il ventesimo successo consecutivo. Quando mancano due giornate alla fine del campionato, il podio del girone H di serie B di volley maschile parla chiarissimo: Allianz Colazzo Galatone primo a 64 punti, Grottaglie secondo a 60 e Leverano terzo a 57 con Gioia del Colle. Significa che l’Allianz Colazzo Galatone disputerà i playoff per la serie A, a prescindere dai risultati delle prossime due gare rimanenti. E basterà un’altra vittoria per vincere il campionato e arrivarci da primi in classifica (ai playoff accedono prima e seconda del girone). Tornando alla gara di domenica, nonostante il secco 3-0 non è stato un match facile per Musardo e compagni. L’Elisa Volley, squadra arcigna, ha messo in difficoltà in diverse occasioni i padroni di casa, che però hanno saputo rispondere con caparbietà e il solito carisma. I set: 25-14, 31-29 e 25-22. A fine partita a commentare il match per i biancoverdi è l’opposto Mattia Carrozzini: «Sapevamo che sarebbe stata una sfida difficile poiché le squadre a metà classifica giocano senza avere nulla da perdere, tocca a noi affrontarle nel modo giusto. Abbiamo avuto cali di tensione nel secondo e terzo set però siamo stati bravi a sfruttare bene ogni occasione che si è presentata a nostro favore, riuscendo a chiudere il match. Anche quella di Marigliano sabato prossimo sarà una partita impegnativa – avverte l’opposto del Galatone – come tutte quelle che restano fino alla fine della stagione. Siamo molto carichi, ci auguriamo di continuare a cavalcare l’onda, affronteremo le prossime partite nel migliore dei modi». Sabato 29 aprile alle 18 l’Allianz Colazzo Galatone torna in campo nella trasferta campana contro il Tya Marigliano. Sarà la penultima giornata di campionato: il cammino verso i playoff è appena iniziato.

IL TABELLINO

ALLIANZ COLAZZO GALATONE-ELISA VOLLEY POMIGLIANO 3-0
(25-14; 31-29; 25-22)

GALATONE: Latorre 5, De Filippis, Zanettin 11, Musardo 13, Garofalo 10, Barone (L), Russo 6, Calò, Schiattino, Papa 3, Gravili (L), Lentini, Carrozzini; allenatore Cavalera.

POMIGLIANO: Tortora, Esposito 3, Napolitano 6, Ambrosio, Zaccaria 7, Ammirati 15, Pirozzi, Madonna 8, Iervolino (L), Basco, Iannotta (L), Coppola 4, Maisto; allenatore Libraro.

ARBITRI: Chiechi, Capobianco.

(US Olimpia SBV Galatina, Piero de Lorentis) – L’ennesimo tonfo sportivo, questa volta in quel di Scampia, non fa scalpore più di tanto. Diventa quasi indolore per tutti, squadra e società, questa caduta libera che, già da tempo, ha assegnato incontrovertibili colpe a noi gruppo dirigente. Se poi si va alla ricerca della correità per alleggerire la propria colpevolezza chiamando in causa, sia pur marginalmente, il gruppo squadra, allora il concorso di colpa ci vede all’apice di tale responsabilità. Non vuole essere questa una virata sul patteggiamento, in quanto non c’è da rendere giustizia ad alcun soggetto terzo (se non ad una tifoseria tutta cuore e passione), né tanto meno un’autoflagellazione per ottenere un effetto catartico- espiatorio. Sarebbe una magra consolazione. Cercare alibi per comportamenti manchevoli di terzi soggetti (dissolvenza di sponsor), eclissatisi da obblighi contrattuali verbali che si sono riverberati sui corrispettivi economici spettanti agli atleti, può rappresentare un modo di deresponsabilizzarsi, ma… non è così. Gli impegni in solido vanno valutati e se infattibili si percorre la strada del recesso, altrimenti vanno rispettati. Ed allora niente cronaca della gara perduta contro l’Athena Napoli, ma focus spostato sulla componente che più è stata emarginata dal contesto organizzativo societario, offuscata dall’entusiasmo di proporsi su un palcoscenico nazionale importante come la serie A3. A noi gruppo dirigente è mancato, ahinoi, per desuetudine conclamata, lo spirito pragmatico nel concepire per il terzo anno di fila, un’idea di costruzione di squadra capace di identificare ostacoli e vincoli che potevano frapporsi all’attuazione della stessa. Bisognava avere contezza dello scontro frontale con la realtà, avara sì di compartecipazione sociale e di promesse rinnegate o falsamente rinegoziate, abbandonando proponimenti più surreali che concreti. È mancata la realizzabilità. Abbiamo sorvolato sul ragionevole budget occorrente, sulla disponibilità di risorse umane frastagliate in più incarichi e, soprattutto, ci siamo convinti che la nostra scelta era un’ottima idea. Così non è stato. Questa critica amara, a mia firma personale, potrà non piacere e ancor più venir considerata biasimevole per tutto il nucleo dirigenziale, ma un briciolo di buona fede lo si deve concedere ad un gruppo, sì inesperto, ma che mai ha ostentato presunta superiorità millantando onori che non gli appartengono. Una nota di merito, e qualcuno sorriderà dando una scorsa alla classifica, spetta agli atleti che nonostante le tante traversie interne, infortuni e da assottigliamenti dell’organico, stanno portando a termine il campionato. Non è facile, e ciò vale anche per lo staff tecnico, preparare una seduta d’allenamento che sia preparatoria ad una gara con ripetute vacanze di elementi, che inficiano la componente tattica mandando alla deriva impegni e prestazioni. Eppure l’esposizione a sconfitte quasi certe non ha sterilizzato stimoli ed orgoglio nella maggior parte degli atleti che, con professionalità estrema, hanno continuato a coniugare impegni di lavoro e di gioco, sacrificando momenti di vita sociale che in altre circostanze avrebbero privilegiato. L’ultimo miglio verde i ragazzi lo stanno compiendo a petto in fuori, offrendosi a critiche e strali che non meritano, rispettando principi sportivi, senso di appartenenza e rispetto per i colori sociali. La via crucis sportiva di Olimpia Sbv Galatina sta per compiersi passando attraverso le due ultime stazioni: il prossimo derby casalingo con il Taviano (29 aprile) e l’ultima trasferta in terra tarantina contro Grottaglie, in calendario il 6 maggio. Poi le rivoluzioni nei futuri assestamenti societari potranno aprire nuovi scenari, sicuramente meno foschi.

VOLLEY B1/f GIRONE E

RISULTATI (giornata 24): Arzano-CdPazzi Roma 3-1, Terrasini-Gesan CF Marsala 2-3, S. Salvatore Tel.-HUB Ambiente CT 3-0, Pomezia-Melendugno 1-3, Castellana Grotte-Fiammatorrese 1-3. Riposano Farmacia Schultze ME e Baronissi.

CLASSIFICA: Arzano 51 – Melendugno 48 – F. Schultze ME 42 – Pomezia 41 – CdPazzi Roma 40 – Baronissi 36 – Fiammatorrese 28 – Olimpia S. Salvatore Tel. 26 – Gesan CF Marsala 19 – Terrasini 16 – Castellana Grotte 14 – HUB Ambiente CT 5.

PROSSIMO TURNO (29 apr.): Gesan CF Marsala-Melendugno, Baronissi-Pomezia, CdPazzi Roma-Terrasini, HUB Ambiente CT-Arzano, Fiammatorrese-F. Schultze ME. Riposano Castellana Grotte, San Salvatore Telesino.