Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: B. Pilato

NUOTO – Benedetta Pilato da urlo! La tarantina è la nuova campionessa mondiale dei 100 rana

Tre anni fa, a soli 14 anni, conquistò uno stratosferico argento nei 50 rana ai Mondiali di Gwangju, in Sud Corea. Ieri, con 17 candeline spente da metà anno, è salita sul tetto del mondo nei 100 rana, Mondiali di Budapest. Nel mezzo, qualcosa come 21 medaglie, tra cui sei ori ai campionati italiani; tre ori tra Europei e Mondiali giovanili; un oro europeo senior; un argento e un bronzo ai Mondiali in vasca corta. “Not so bad”, direbbe Novak Djokovic. È questo il palmares aggiornato di Benedetta Pilato da Taranto, classe 2005, neo campionessa mondiali dei 100 rana nella competizione iridata in corso di svolgimento in Ungheria. Messasi alle spalle l’amarezza per le Olimpiadi dello scorso anno a Tokyo, la campionessa pugliese (allieva di Vito D’Onghia, tesserata per le Fiamme Oro) ha saputo riscattarsi, prendendosi anche gli interessi e fermando il cronometro sul tempo di 1’05″93, precedendo in volata la tedesca Anna Elendt e la lituana Ruta Meilutyte. Fuori dal podio una leggenda di questa competizione, Lilly King, quarta.

“Era la mia prima finale mondiale nei 100 rana e già ero contenta di averla raggiunta – le parole di Benedetta raccolta dal sito della federazione nuoto -. Aver vinto è davvero sorprendente. Sono stracontenta e soddisfatta del mio lavoro e del mio percorso. Dall’argento di Gwangju sono cambiate moltissime cose. Sono tre anni che sembrano molti di più, perché le aspettative sono sempre più impegnative. Ho avuto anche problemi fisici che mi hanno condizionato, ho imparato a reagire positivamente ai risultati negativi. Sto crescendo, anche se resto sempre la più piccola della squadra, quindi me la godo. Siamo una nazionale fortissima”.

Pilato ha battuto anche il record di Novella Calligaris: è la campionessa del mondo italiana più giovane di sempre, cancellando il record di Novella Calligaris che, nel 1973, coglieva l’oro mondiale negli 800 metri sl a 19 anni, facendo anche segnare il record del mondo.