Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CICLISMO – Piscopiello: da Melissano alla Colombia passando per Pordoi e Veleno

Chilometri su chilometri valicando le cime che hanno scritto le più belle pagine del ciclismo italiano e internazionale. Fabio Piscopiello, ciclista professionista di Melissano, continua a pedalare in preparazione delle prossime gare che lo vedranno protagonista in giro per il mondo.

Nelle scorse settimane il 27enne atleta del team irlandese Utensilnord-Named ha “provato la gamba” in corse impegnative come il Gp di Larciano, il Giro di Toscana e il Trentino. La condizione è ancora da affinare ma la tenuta è stata soddisfacente, se si considera che le sue ruote hanno domato aspre pendenze come quelle del mitico Pordoi (2.239 mt.) e dell’impervio Punta Veleno, «la salita più dura d’Europa» commenta Piscopiello, con un pizzico di soddisfazione per averla scalata.

Fabio si sta allenando con costanza sulle strade salentine, partecipando di tanto in tanto ad alcune gare amatoriali di “Gran Fondo”. Unico piccolo inconveniente, qualche giorno fa, il controllo antidoping a sorpresa che l’ha costretto a scendere giù dal letto alle 6 di mattina. Poco male, comunque, giacché i valori ematici sono risultati perfettamente in regola.

Sarà denso d’impegni il mese di giugno per Piscopiello che è in procinto di partire per il Sudamerica. Dal 10 al 24, infatti, il ciclista difenderà i colori della sua squadra nella “Vuelta a Colombia”, corsa che, oltre ad avere un percorso impegnativo, è resa ancora più difficile dalla rarefazione dell’aria, poiché si correrà, per diversi tratti, anche a due -tremila metri d’altezza.