Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

BOCCE – La Martanese alla Fib: “Aumentate le difficoltà delle trasferte in Sardegna e Centro. Si rinvii il campionato”

Prove di ripartenza anche per il campionato di Serie A2 di bocce che vede impegnate due società pugliesi, la San Michele di Brindisi e la Martanese. Si dovrebbe partire la prossima settimana.

A tal proposito, il presidente della Martanese, Cristiano Vitto (nella foto: il quarto in piedi da sinistra), lancia un appello alla Fib, affinché s’impegni per rendere meno ostiche e onerose le trasferte di campionato in Centro Italia e in Sardegna. Per tali trasferte, infatti, servono due giorni di viaggio e, in alcuni casi, si sta fuori casa per tre giorni. La Fib Puglia ha chiesto spiegazioni alla Fib, ma la soluzione non è stata ancora trovata.

Di seguito le parole della lettera di Vitto a Moreno Rosati, vicepresidente Fib: “A seguito della comunicazione del calendario del campionato di serie A2 in particolare di quello riguardante il girone n. 3, le perplessità e le difficoltà manifestate in occasione della riunione avuta con voi sono aumentate notevolmente e riguardano soprattutto le tre trasferte in Sardegna. L’emergenza sanitaria ha costretto le compagnie al taglio di numerosi voli e questo ha comportato un notevole aumento delle difficoltà dei collegamenti: si impiegano due giorni interi di viaggio per ogni incontro, senza considerare l’aumento del costo dei biglietti”.

In sostanza: per andare a Sassari o a Cagliari, i giocatori devono arrivare a Roma con mezzi propri il venerdì antecedente l’incontro; poi soggiornare e prendere il volo per la Sardegna il giorno successivo. Idem al ritorno: scalo e pernottamento a Roma, e partenza il giorno successivo per tornare a casa. Alla logistica problematica, inoltre, si aggiungono i rischi di contagio da Covid.

Continua Vitto: “Dal 2015 manteniamo alto il livello del nostro territorio impiegando risorse economiche per spostamenti logistici, mentre i nostri competitor le impiegano per ingaggi di giocatori che aumentano il tasso tecnico delle loro squadre e non ci siamo mai lamentati, anche se più volte abbiamo evidenziato queste problematiche senza mai essere ascoltati. Siamo convinti ancora che un ulteriore rinvio dell’inizio del campionato, vista la situazione sanitaria sempre più precaria e la divisione di tutti i gironi a 4 squadre, sia la via più responsabile che si possa adottare”.

Queste le proposte alternative della Martanese alla Fib: 1. La Federazione si faccia carico dell’intera spesa derivante dai biglietti aerei per le tre trasferte in Sardegna, con emissione di biglietti preparati a favore della società; 2. La Federazione renda disponibile l’utilizzo delle camere, il pernotto presso il Comitato tecnico federale di Roma per le trasferte verso la Sardegna e in occasione dei due incontri contro le squadre romane; 3. Il mantenimento del contributo di partecipazione a 2.500 euro, che servano a coprire parte dei costi delle trasferte (noleggio pulmini, tamponi, etc).