BASKET A1/m – Enel Brindisi da applausi, al PalaPentassuglia Avellino non pervenuta

Enel Brindisi batte Sidigas Avellino 94-74 e trova in Samuels un gran trascinatore. Molto positive anche le prestazioni di M'Baye e Carter

enel-basket-brindisi-tifosi-giannuzzi-260317

Foto: @SalentoSport/G. Giannuzzi

Enel Brindisi fa suo il posticipo della nona di ritorno superando la Sidigas Avellino 94-74. Fischio di inizio alle 20:45 con Sacchetti che schiera Moore, Scott, Joseph, M’Baye e Carter, Sacripanti risponde con Green, Thomas, Randolph, Leunen, Fesenko.

I primi dieci di gara sono da incorniciare per i brindisini. Avvio che lascia subito dietro Avellino di dieci lunghezze. Brindisi gioca una pallacanestro quasi perfetta, la Sidigas non riesce a spegnere le bocche di fuoco locali. 2’27” è tempo di esordio per Samardo Samuels che non fa attendere il suo primo canestro in maglia biancoazzurra. Termina il primo quarto 24-5.

Avellino si riorganizza, ma Brindisi è concentrata in difesa e concreta in attacco. Samuels non si fa trovare impreparato, M’Baye maestoso e i padroni di casa volano sul +22 (34-12). Fesenko fa quel che può e per le maglie verdi è tempo di reagire, punti importanti inducono Sacchetti a chiamare timeout a  2’54” dalla pausa lunga. Errori di lettura di gioco regalano punti facili agli ospiti. Termina il secondo periodo 41-26.

Fesenko guida gli irpini, ma i brindisini sono più abili a tenere gli ospiti a debita distanza. Sacchetti mescola le carte, ma la Sidigas riprende confidenza con la retina dimezzando il divario con Logan e il solito Fesenko (50-41). Il PalaPentassuglia si infuoca per  delle decisioni arbitrali contestatissime che puniscono Scott e Samuels con due antisportivi. Il clima è incandescente, ma il basket giocato, senza stop dubbi, racconta tutta un’altra partita.  Avellino mette in atto una rimonta, ma sul -7 Moore  dalla distanza rispedisce gli uomini di Sacripanti sul -10. Termina il terzo periodo 64-53.

Gli ultimi di gara ripartono nel segno di Samuels, i suoi punti e il suo carisma costringono Sacripanti a fermare il gioco. Si gioca con freddezza  da entrambi i lati, ma la schiacciata di M’Baye su assist di Moore vale l’intero biglietto del match. Il neoacquisto continua a dare sicurezza e spettacolo e il coach avellinese tenta di rimediare chiamando nuovamente sospensione a 3’48” sul 77-64.

L’esperto Goss gioca con il cronometro,  l’imprevedibile Scott  sigla canestri importanti per il + 15 (82-67). Ma non è ancora finita. Un irrefrenabile Samuels firma una tripla che di fatto fa esplodere il PalaPentassuglia oramai in festa per una bella e convincente vittoria.  E’ tempo di applausi. Enel Basket Brindisi batte Sidigas Avellino 94-74.

Enel Brindisi torna alla vittoria e trova in Samuels non solo un grande giocatore dalle caratteristiche indiscusse, ma un uomo dal grande carisma, un trascinatore già beniamino del popolo brindisino. Esordio positivo con 17 punti. M’Baye monumentale sotto canestro, le sue stoppate e la sua schiacciata lo incoronano miglior giocatore della serata. Buona la prova di Carter (14 pt), meno quella di Scott che a dispetto del suo bottino personale (18 pt) non ha brillato peccando di presunzione in alcune azioni.  Non sono bastati i 28 di un signor Fesenko e i 23 di Logan per espugnare il PalaPentassuglia. Brindisi sale a 24 punti e si accasa all’ottavo posto, Avellino resta a 30 punti al terzo posto.


Enel Brindisi-Sidigas Avellino: 94-74

Enel Brindisi: Scott 18, Carter 14, Goss 12, Cardillo 3, Moore 10, Orlandino n.e., Donzelli n.e., M’Baye 11, Samuels 17, Joseph 9, Sgobba, Spanghero. Coach: Sacchetti
Sidigas Avellino: Zerini, Green 6, Logan 23, Esposito, Leunen, Cusin 2, Severini, Randolph 8, Obashoan, Fesenko 28, Thomas 7, Parlato. Coach: Sacripanti
Parziali: 24-5, 41-26, 64-53, 94-74

Orsola TASSO
Giornalista pubblicista dal 2014 e impegnata nel sociale. Collaboratrice per la redazione de Quotidiano Italiano (Lecce-Foggia) dal 2012 al 2014, redattrice di BrindisiCronaca.it dal 2013 al 2015.

Articoli Correlati