Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

BASKET A1/m – EuroCup, Enel Brindisi convince ma a festeggiare è Berlino

Non basta una partita tutta cuore all’Enel Brindisi per battere l’Alba Berlino che, ieri sera, si è imposta per per 72-68. 

Riflettori accesi sulla quinta di andata di EuroCup tra Enel Brindisi – Alba Berlino. Un PalaPentassuglia colorato e trepidante accoglie e applaude i propri beniamini. Sorpresa per tutti i tifosi. In campo ritorna Scottie Reynolds dopo un infortunio. Bucchi schiera Reynolds, Banks, Scott, Kadji, Gagic, Obradovic replica con Vargas, Cherry, Loncar, Milosavlievic , Watt. Enel parte bene con il suo pivot Gagic in gran forma, non male l’approccio alla gara di Reynolds. I locali dettano gioco, gli avversari sono in affanno. La difesa ben organizzata delle casacche brindisine li induce spesso all’errore al tiro. (11-4). Bucchi mescola le carte, dentro Milosevic e Marzaioli per Kadji e Reynolds. Berlino rosicchia qualche punto. Termina il primo quarto 17-22.

L’avvio del secondo periodo porta la firma di Berlino. King punisce i biancoazzurri portando i suoi in vantaggio sul 22-24. Bucchi corre ai ripari ma i suoi non riescono a trovare soluzioni. In campo ritorna Reynolds, le sue penetrazioni ubriacano le maglie nere e Brindisi riprende ossigeno. Gli ospiti non stanno a guardare e i tiri dalla distanza di Milosavlievic sono missili. Si va alla pausa lunga 32-37.

Enel aggressiva accorcia le distanze (37-41) ma l’Alba mette in mostra muscoli e tecnica e in un amen vola sul +9. Capitan Zerini fa la voce grossa, Banks mette la quarta. Adesso è Brindisi a confondere Berlino, 46-48. I tedeschi non mollano audaci ritornano a condurre senza paura. Harris riduce le distanze ma il solito Milosavlievic vanifica l’operato con un tiro dai 6.75. Termina il periodo 51-57.

Ultimi di gara che si aprono con Milosevic che sigla dalla lunga riaprendo la partita (55-59). La gara è fallosa, Reynolds con la sua velocità costringe gli uomini di Obradovic a fermare ripetutamente il gioco. Brindisi gioca di carattere, l’esperienza di Banks crea scompiglio alla difesa avversaria. L’ex Avellino non solo raggiunge il pareggio ma porta i suoi in vantaggio (63-62). Il match è equilibrato ed avvincente. Kadji fuori per quinto fallo. Non accetta la decisone dell’arbitro e ingenuamente fa beccare il tecnico alla panchina. Berlino sembra padrona del gioco quando mancano 60″ al termine della gara. Ultimo timeout per coach Bucchi. Le speranze di un prima vittoria in coppa si spengono sul ferro. Termina il match 68-72.

Enel Brindisi gioca una buona pallacanestro ma non basta per interrompere la striscia positiva della capolista del girone. Segnali positivi ancora da Gagic in netta ripresa, lotta e difende, ancora non al top Milosevic ma siamo sulla buona strada. Ottimo il rientro di Reynolds. Ombre per Kadji, apparso stanco e nervoso. In panca per cinque falli. A Brindisi non sono bastati i 14 dei soliti Banks e Scott. Determinanti in casa Berlino i 18 di Milosavlievic. Enel rimane fanalino di coda e con questa quinta sconfitta può dire quasi addio al sogno europeo.


TABELLINI

Enel Brindisi – Alba Berlino: 68-72

Enel Brindisi: Banks 14, Reynolds 11, Scott 14, Harris 4, Milosevic 9, Pacifico, Gagic 10, De Gennaro, Zerini 3, Marzaioli, Kadji 3. All Bucchi
Alba Berlino: Giffey, King 6, Akpinar, Kikanoivc 11, Loncar 12, Vargas, Liyange, Wohlfarth 2, Milosavijevic 18, Cherry 4, Taylor 10, Watt 10. Allenatore: Obradovic
Parziali: 22-17,  32-39,  51-57, 68-72

Show CommentsClose Comments

Leave a comment