BASKET B/f – Ad Maiora Taranto, brusco e imprevisto stop a Corato. Ora il sentito derby con la Pink Bari

Finisce 46-44 per le baresi la gara valida per la sesta di andata. Sabato 23 occasione di riscatto contro la Pink Bari

giorgino-giocatrice-ad-maiora-basket-taranto-sensishotstudio

Foto: Giorgino in azione (@Sensi Shot Studio)

Fonte: Fabrizio Di Leo - Ufficio Stampa Ad Maiora |

La Lowengrube Ad Maiora Basket Taranto subisce un imprevisto stop a Corato, in casa della Nuova Matteotti, e rimane, in classifica,  ancorata al 6° posto. La gara in terra barese era stata preparata da coach Palagiano in maniera molto meticolosa e nel corso della settimana aveva catechizzato le ragazze sulle insidie che potevano essere celate nel match contro le coratine.

A tal fine, il coach rossoblu schierava il roster offensivo con Giorgino, De Mitri, Lacitignola, Palmisano e Tolardo. Coach  Bruno De Nicolo, alla ricerca della seconda vittoria, dopo quella inaugurale a Caserta, ma  prima possibilmente interna, replicava con Mangione, Pisicchio, Amorese, Gatta e Giordana De Nicolo.

La gara diretta dagli incerti Signori Menelao e Fiorentino, iniziava subito con il classico avviosprint” delle rossoblu che piazzavano subito un parziale  di 10 a 0, grazie alle incursioni ferali di Tolardo, che sorprendevano il reparto difensivo locale. Al 4° minuto, la Matteotti si sbloccava con una tripla di Mangione, inizio di un parziale di 8 a 0 che riduceva il gap al – 2 per la coratine. La Lowengrube, aveva numerose occasioni per riportarsi a distanza di sicurezza, ma molti errori in fase conclusiva permettevano al Corato di rimanere in scia e, al primo mini intervallo,  il vantaggio della Lowengrube era di soli due punti (14 – 12).

Nel secondo quarto, la difesa serrata ionica (causante un bonus repentino per il carico di falli personali), portava il match sul punto a punto, con la netta predominanza delle ioniche a rimbalzo ed una punta d’imprecisione che consentiva alle locali, con tiri dalla media e lunga distanza,  di chiudere la frazione  con quattro punti di svantaggio (21 – 25).

Al rientro in campo, dopo l’intervallo lungo, due repentine triple di Giordana De Nicolo portava le padrone di casa in vantaggio di due punti, poi nonostante le rossoblu tentassero in  tutti i modi di rimanere agganciate alla Matteotti, con tante occasioni in cui il ferro del canestro locale sputava la palla, il reparto difensivo delle locali, impediva questo  tentativo e la De Nicolo arrotondava il punteggio.

All’ultimo mini intervallo,  il punteggio basso, (36 a 31 per le coratine), lasciava aperto lo spiraglio alle ragazze di Palagiano e si iniziava con un  ulteriore sprint della formazione di coach De Nicolo che arrivava al vantaggio di +7 (43 a 36), quindi Giorgino e  Boccadamo, riportavano la Lowengrube a – 1, quindi un’occasione per l’attacco ionico di operare il sorpasso ad una manciata di secondi, poi l’uno su due di Mangione, per un fallo subito a bonus raggiunto, fissava il 46 a 44 finale, nonostante gli ultimi disperati  tentativi delle rossoblu di arrivare, quanto meno, all’over time.

Finiva così con la gioia delle locali, per una vittoria, alla vigilia ambita, ma sicuramente le previsioni erano altre, mentre l’amarezza calava sull’entourage ionico per un’altra occasione, decisamente sfortunata, al netto di errori commessi, ma frutto della grande voglia ed aggressività di portare a casa il risultato.

Ora, complice anche i risultati del turno dello scorso weekend, alcuni veramente clamorosi (la sconfitta interna della capolista Battipaglia, fa molta meraviglia), ma anche i successi dello Scafati (ha travolto a domicilio, il Potenza) e del Bari (a fatica  a Caserta), fanno subito pensare all’intensa settimana di preparazione al match di sabato 23 novembre alle ore 18. 30 (Palamazzola – ingresso gratuito da Via Venezia), il sentito derby con le cugine della Pink Bari, incontro atteso dalle due squadre per una sana rivalità sportiva, ma soprattutto gara di cartello della 7/a giornata d’andata, tra due società che si rispettano e si stimano reciprocamente.
Sabato però sarà un’altra storia da scrivere anche con il calorosissimo pubblico che, in questi eventi speciali, non fa mancare mai il suo apporto.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati