Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

BASKET A2 – L’Enel piega Montegranaro nel “Big-Elio” day

Onore al grande Elio Pentassuglia. Il big del basket italiano è stato finalmente ricordato ieri come si conviene nel palazzetto che ne porta il nome in un città che ha fatto sua e lo ha degnamente ringraziato.

Le immagini suggestive degli anni in cui “Big Elio” ha portato alla gloria i biancazzurri, ritratte in foto all’ingresso del palazzetto dello sport in una galleria allestita per l’occasione, hanno dato il benvenuto a circa 2000 spettatori. E all’interno la festa di musica e “amarcord” ha riscaldato gli animi se ce ne fosse stato bisogno.

Un tifo caloroso come quello delle grandi occasioni, seppur si trattasse solo di un’amichevole, ma l’amore per il basket si sa a Brindisi non conosce confini.

Ma prima di vedere all’opera, per la prima volta in casa i giovani di coach Piero Bucchi, un doveroso omaggio anche a loro le “vecchie” glorie, quelli che furono i giovani di coach Pentassuglia: Calderari, Bray, Cordella, Fischetto, Brunamonti

E per ogni memorial che si rispetti spazio allo sport, giocato. Bucchi schiera in campo l’ormai collaudato quintetto già visto nelle scorse amichevoli: Hunter, Renfroe, Ndoja, Borovnjak e Callahan. Drucker cgli oppone Di Bella, Antonutti, Mc Neal, Brunner e Kirksay.

Difesa a uomo e maglie strette per entrambi, tanto equilibrio e poco spettacolo. Al primo time out dei padroni di casa, chiamato da Bucchi a 5’10” dal termine del primo quarto, il tabellone segna 06-07. Il time out ridà piglio a Hunter e compagni che in 60” danno un sonoro schiaffo agli avversari con un parziale di 7-0, grazie anche a due bombe di Renfroe e Hunter, che portano il Brindisi al massimo vantaggio del +9. Ma Drucker non ci sta e alza la difesa. Arriva il recupero e si chiude 21-15. Si inizia a vedere un Brindisi più concreto.

Il primo tiro della Fabi arriva a 9’02” con Nicevic (21-17) e sempre lui a 8’15” accorcia ancora le distanze a meno 2, e a 3 minuti dall’inizio del tempino i gialloblu raggiungono la parità. Ma sul 21-22 uno scatto d’orgoglio riporta Brindisi con un tiro da tre di Maestrello a riprendere in mano le redini della partita, ma siamo già al settimo minuto. E questo sarà l’andazzo per il resto del quarto e anche dopo, studio, controllo e pochi canestri per un parziale di 10-11. Si va al riposo lungo sul 31-26.

Nel terzo c’è ancora poco da esaltarsi, ma è evidente che le due squadre stanno testandosi e tastando gli ordini dei rispettivi coach, d’altronde queste sono partite d’allenamento in vista del campionato, dove le prove non sono più concesse. Da segnalare un parziale di 2-12 che a metà gara porta gli ospiti alla rimonta (37-40). Poi fallo su Borovnjak che sblocca l’inerzia dei suoi con un libero su due, e Callahan accorcia le distanze (40-44), ma gli avversari ricambiano subito, e tra un botta e risposta tocca a Maestrello riportare le cose in ordine con due triple al momento giusto. Si chiude 46-50.

Ancora equilibrio nel quarto finale e ancora silenzio a canestro per un buon minuto a mezzo. Ci pensa il capitano a romperlo, sono sui i primi due punti, che però valgono a poco, coach Bucchi è costretto a chiamare il secondo time out sul parziale di 0-6. E non sbaglia Simoncelli, entrato al posto di Renfroe, mette la quinta e con due bombe consecutive allenta la tensione (54-57). Gli ospiti però trovano man forte in Antonutti e nel brindisino Giuri che vuol far bene di fronte alla sua città. Simoncelli, top scorer della serata (19 punti per lui e ben 21 di valutazione) infiamma parquet e tribune. Sono ben 11 i punti di un break che stordisce Montegranaro (Simoncelli mette prima un tiro da 2 rimedia un fallo tecnico e sono 2 liberi, uno da 3 e un altro libero: e fanno 8 punti per lui sul parziale). 61-61 a poco più di tre minuti dalla fine. Si riparte dalla parità con un nuovo botta e risposta tra le squadre che attesta decisamente l’andamento equilibrato del match. L’imprecisione degli uomini di coach Drucker ai liberi però decreta la superiorità dei padroni di casa, che non colgono l’occasione. Al fischio della sirena è 73-70 per l’Enel.

***
ENEL BRINDISI 73
FABI MONTEGRANARO 60

Parziali 21-15, 31-26, 46-50
Enel Brindisi Maestrello 9, Poletti 1, Formenti, Hunter 3, Simoncelli 19, Renfroe 9, Ndoja 9, Borovnjak 10, Callahan 13, Vorzillo n.e., Rosato n.e., Danese n.e.. Caoch: Bucchi
Fabi Montegranaro Pukis n.e., Piunti n.e., Ruini 4, Perini n.e., Antonutti 4, Nicevic 8, Giuri 2, Di Bella 6, Mazzola, Kirskay 16, Mc Neal 17, Brunner 13. Coach.: Drucker.
Arbitri: Pecorella, Materdomini, Morelli.