Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

UDINESE vs LECCE – La bilancia è bianconera ma che spettacolo nel 2004-05…

Gol a raffica e tante emozioni. Si possono riassumere così i tanti precedenti fra Udinese e Lecce. Le due squadre si sono incontrate nella loro storia in 43 occasioni e il bilancio è favore dei friulani che vantano 22 successi contro i 16 giallorossi. Se dovessimo scegliere di circoscrivere i precedenti alle sole partite lontano dal Salento, ecco che il bilancio si fa ancora più netto. I bianconeri si sono imposti sul Lecce in ben 16 occasioni sulle 22 partite totali disputatesi al Friuli fra Serie A, Serie B e Coppa Italia. Per il Lecce soltanto 3 vittorie.

L'ULTIMO SUCCESSO DEL LECCE – Era seduto Silvio Baldini sulla panchina del Lecce quando in quell'11 dicembre del 2005 la squadra giallorossa conseguì quella che sarebbe divenuta l'ultima vittoria salentina allo stadio Friuli di Udine. In quell'Udinese, battuto per 2-1 grazie a una doppietta di Mirko Vucinic, c'erano anche due attuali giocatori giallorossi: David Di Michele e Christian Obodo.

IL DOPPIO SCONTRO IN COPPA ITALIA NEL 2005 – Ma una delle sfide più importanti rimaste nella mente dei tifosi fu l'incredibile scontro negli ottavi di Coppa Italia nella stagione 2004-2005, dove al timone della squadra salentina c'era il boemo Zeman.

All'andata al Via del Mare il Lecce dopo 31 minuti è in vantaggio di tre gol ma riuscì a farsi rimontare dalla squadra friulana che ad inizio del secondo tempo rimise in discussione il discorso qualificazione. Sul 3-3 il gol di Bojinov illuse squadra e tifosi che l'accesso ai quarti fosse già in cassaforte ma un Di Michele super siglò il 4-4. All'88° minuto arrivò anche il gol dello straordinario sorpasso friulano firmato da Di Natale. A questo punto al Lecce per riaprire i giochi serviva un gol e l'occasione arrivò con un calcio di rigore al minuto 91. Vucinic si incaricò dell'esecuzione del penalty. Davanti a sé non aveva il portiere Handanovic ma David Di Michele che prese il posto dell'estremo difensore sloveno appena espulso. L'attaccante di Guidonia ipnotizzò il giovane montegrino che tirò debole e centrale lasciando a bocca aperta tifosi e spettatori per l'errore commesso. Anche al ritorno, al Friuli, i giallorossi si resero protagonisti di una partita eccezionale. In svantaggio di un gol (siglato da David Di Michele), la squadra di Zeman annientò l'Udinese con 4 reti salvo poi fare harakiri nel finale subendo le marcature di Iaquinta e Di Natale per il 3-4 finale. Addio qualificazione.

ULTIME PARTITE – Le ultime due partite fra Lecce e Udinese si sono disputate entrambe al Via del Mare. E il bilancio vede una vittoria per parte. Lo scorso anno la partita fu monopolizzata dalla splendida prestazione di Andrea Bertolacci che mettendo a segno una doppietta riportò tante speranze salvezza alla truppa allenata da Gigi De Canio. L'ultimo match, invece, è avvenuto a inizio stagione. Una partita senza storia. Sotto il caldo cocente di settembre l'Udinese impacchettò la prima vittoria stagionale con un facile 2-0 firmato Basta e Di Natale. E sempre Totò Di Natale fu il principe assoluto dell'ultimo match fra le due squadre al Friuli. L'attaccante napoletano fu autore di una tripletta. Il risultato fu "arrotondato" dal gol di Floro Flores.