TRAPANI vs LECCE – Le pagelle: Ciccio e Foti Uber Alles, Bogliacino a fari spenti

Benassi voto 6.5: per anni la C1 è stata la sua categoria, ma già lo scorso anno in A, ha dimostrato che averlo in questi campionati è un lusso per chiunque. Non compie nessun grande intervento ma con le sue uscite precise e puntuali riesce a dare sicurezza all’intero reparto. PUBBLICA SICUREZZA.

Diniz voto 6: sembrava dovesse partire da centrale di difesa, ma alla fine mister Lerda decide di impiegarlo nel ruolo di terzino destro forse per cercare di arginare il brevilineo Madonia, il suo compito lo svolge ad intermittenza, alternando chiusure ed ottimi movimenti a qualche svarione. In fase offensiva si vede veramente poco. SUFFICIENTE

Legittimo voto 6+: confermato nel ruolo di terzino sinistro, non si fa trovare quasi mai impreparato chiudendo ogni spazio con molta attenzione. Lui, a differenza del compagno brasiliano Diniz, si concede qualche discesa in più. DILIGENTE.

Memushaj voto 6.5: non è il Memushaj che abbiamo potuto ammirare in altre occasioni, ma è sempre un elemento imprescindibile nello scacchiere tattico di Lerda. Questo mister Boscaglia lo sa bene e perciò decide di preparare una marcatura quasi a uomo sul centrocampista albanese, che lo limita molto e lo costrige più a fare filtro che a costruire gioco, anche per via delle pessime condizioni del terreno. GARANZIA.

Di Maio voto 6.5: pronti via e appiccica subito i suoi tacchetti alle caviglie di Mancosu, Ciò gli costa il giallo che nei primi minuti lo frena un po’. Con il passare del tempo si scioglie e la sua prestazione lievita a suon di ottime chiusure. ROCCIOSO.

Esposito voto 7: per lui è valido lo stesso discorso fatto per Benassi, la Lega Pro come categoria gli va un po’ stretta, ma la sua è stata una scelta di cuore e come tale va sempre accettata. Dalle sue parti non si passa. Ciccio comanda sia nel gioco aereo sia nelle azioni manovrate e lo fa con una semplicità quasi disarmante per gli avversari. DIVIETO D’ACCESSO.

Chiricò voto 6.5: pronti via e si esibisce in una serie di biciclette che più che innervosire gli avversari lo fanno diventare il bersaglio delle tribune del Provinciale di Erice. Al talento giallorosso, però, poco gliene cale e continua per la sua strada cercando sempre la giocata di fino e – forse – esagerando un po’ troppo. Suo l’assist per Foti in occasione del gol del vantaggio. FUNAMBOLICO.

De Rose voto 6+: tanto lavoro oscuro in mezzo al campo per il centrocampista di Cosenza, corre e non si ferma mai recuperando molti palloni e facendo da scudo alla difesa nei momenti di difficoltà. LAVORATORE DOC.

Foti voto 7: in partite come queste si riconosce una grande squadra. Che il Lecce lo sia, non ci sono dubbi, ma sono anche in situazioni come queste che si riconosce il bomber di razza. In area di rigore l’accoppiata Rizzi-D’Aiello gli concede una sola occasione e lui, da vero rapace, non si fa pregare e firma l’uno a zero. Per il resto, il siciliano aiuta molto la squadra, abbassandosi ogni qualvolta ce ne sia bisogno, dando sempre una soluzione in più per i compagni, come avviene in occasione del gol vantaggio, quando, prima di proporsi e mettere in rete, è bravo a disegnare un cambio di settore degno di un grande regista.(Malcore s.v.) SERIAL KILLER.

Bogliacino voto 5.5: è vero che giocatori come lui su un terreno simile non possono che soffrire, ma è anche vero che l'ex napoletano, per tutta la serata, anziché proporsi fra le linee, decide di nascondersi toccando pochissimi palloni e limitandosi alla semplice giocata. FUORI DALLA SCENA.

Falco voto 6+: si sacrifica molto per aiutare Diniz ad arginare Madonia e questo gli fa perdere molta lucidità e brillantezza, fattori che per un giocatore con le sue caratteristiche sono fondamentali. Così, più che allo spettacolo, decide di badare al sodo. (Tomi s.v.) SACRIFICATO.

Giacomazzi voto 6: entra in campo ad un quarto d’ora dalla fine riuscendo a dare fosforo e sostanza ad un centrocampo che nei minuti finali sembrava andare un po’ in apnea. ESPERTO.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati