Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: Sticchi Damiani con la Coppa Serie B
ph: Coribello/SS

LECCE – Sticchi Damiani: “Questa è la squadra della gente. Arriviamo in A in maniera diversa, si può costruire qualcosa”

Come se avesse giocato anche lui. A fine gara, il presidente Saverio Sticchi Damiani è un mix tra stanchezza e felicità, per aver raggiunto un traguardo con due stagioni di anticipo rispetto a quanto programmato. E, soprattutto, per riconquistato quella Serie A svanita, con una bella dose di sfortuna, nemmeno due anni fa.

Le parole del numero uno giallorosso: “Avevamo promesso che saremmo ritornati e ci siamo riusciti, ed è stato bello farlo con una squadra piena di giovani. Questa squadra ha cominciato a volare quando si sono gradualmente riaperti gli stadi ed è tornato il pubblico, questa è la squadra della gente. Se avessimo avuto la possibilità, oggi (ieri, ndr) avremmo riempito due stadi. Mi spiace per chi è rimasto fuori. In futuro, vorrei pensare ad uno stadio pieno di abbonati. Questo è un premio al nostro lavoro, serio e trasparente. Non pensavamo di vincere già da quest’anno. Siamo partiti con tante difficoltà, cambiando molto e combattendo contro tante società che non hanno badato a spese. Noi abbiamo provato a ribattere con gli investimenti ma anche con le idee. Merito a Pantaleo Corvino e a Stefano Trinchera, che hanno rivoluzionato la rosa, costruendone una equilibrata; merito a Baroni, semplicemente straordinario. Questa volta, arriviamo in Serie A in un modo diverso, con tanti giovani di proprietà e si può costruire qualcosa di diverso. A volte, il fatto di essere già stati tante volte in Serie A fa sembrare tutto scontato, ma non è così. Abbiamo vinto un campionato quasi da matricola. La Serie A è una vittoria importantissima per questo territorio. Ho voluto abbracciare tutti per ringraziare la gente che mi ha sostenuto. Lo stadio mi ha dato forza per concentrarmi sulle mie passioni tra mille difficoltà”.