LECCE – Il sogno di Liverani: “Noi perfetti. Lavoriamo per rivivere giornate come quella con la Paganese”

Il tecnico sorvola sul risultato e si concentra sulla prova dei suoi: "Ci siamo prodotti in un calcio difficile da vedere in queste categoria"

Foto: Fabio Liverani abbraccia Francesco Cosenza

Lecce-Ascoli 7-0 è una gara già di per sé eloquente, difficile da analizzare andando oltre quanto non dica il risultato. Ecco perché, nel postpartita, il tecnico giallorosso Fabio Liverani ha voluto concentrare i riflettori sulla prestazione della squadra più che sui gol realizzati.

Una prova che è frutto più dell’abilità dei suoi che del demerito altrui: “Quello di oggi è un risultato difficile da commentare anche se si è vinto, dunque è meglio soffermarsi sulla prestazione. Ci abbiamo messo una qualità, una tecnica, una struttura di gioco difficile da vedere in questa categoria. C’erano tutti gli ingredienti per far bene, e i movimenti al bacio dei ragazzi hanno dato questi raccolti. Gran merito è stato nell’approccio di squadra, favorito dal fatto che sapevamo che non sarebbe stato facile e scontato. L’Ascoli? Loro hanno avuto lo stesso atteggiamento anche a Verona, facendo un’ottima partita. Sicuramente avranno sbagliato qualcosa in più, sarà stata la classica giornata storta, ma sono più meriti nostri che demeriti dell’avversario”.

Liverani non è stato avaro di elogi al gruppo: “Sono contento per gli innesti a gara in corso. E’ importante che ragazzi come Riccardi e Felici mettano minuti nelle gambe, che prendano confidenza con il campo. Sono soddisfatto anche della prova di Tumminello. Nel complesso posso solo ribadire che sono orgoglioso di questo gruppo, che è sempre pronto a seguirmi e di ragazzi splendidi che danno il masso e sono pronti sempre a lavorare per esprimersi come sanno”.

La chiusura è dedicata ai tifosi: “La gente ha il diritto e deve sognare, è giusto così. La piazza deve vivere di emozioni e di entusiasmo, non ha bisogno certo dei miei consigli. Io devo pensare a far arrivare alla squadra il giusto entusiasmo, chiaramente per far mantenere sempre alta la concentrazione. I nostri sostenitori sono sempre al nostro fianco, i numeri parlano chiaro. Poi certo, ognuno di noi vorrebbe vedere lo stadio come quello di Lecce-Paganese. Posso solo dire che la nostra squadra lavora per questo”.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati