Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: D'Aversa col suo vice Tarozzi
ph: Coribello/SS

LECCE – Pre-Juve, D’Aversa: “Nessun paragone col Leicester. L’entusiasmo non deve trasformarsi in euforia”. I convocati

Non c’è tempo per godersi la classifica: domani sera è di nuovo campionato e il Lecce andrà a far visita alla Juventus con fischio d’inizio alle 20.45. Le parole di mister Roberto D’Aversa nella consueta conferenza stampa pre-gara.

“Dopo il Genoa ho detto che c’erano diversi aspetti da migliorare, con riferimento, in particolare, al fatto di aver giocato per diverso tempo in superiorità numerica. Con la Juve la gara sarà molto diversa, quindi, più che pensare a migliorare, dovremo essere bravi a capire che loro partiranno forte, ancor di più dopo la sconfitta di Reggio Emilia col Sassuolo. Dovremo affrontare una squadra forte che lotterà per lo Scudetto anche perché non gioca le Coppe, dovremo essere pronti sotto l’aspetto mentale ma anche fisico, cercando di rispondere colpo su colpo. Sono molto bravi sulle palle inattive, ma non solo. Giocano molto sulle fasce, vedremo domani con che modulo scenderanno in campo. La soluzione Baschirotto terzino? Abbiamo anche Gendrey e Venuti. Lorenzo si è allenato benissimo e purtroppo si è fatto male proprio alla vigilia del campionato, ora sta bene ed è al 100%, valuteremo secondo la condizione fisica, anche perché al centro abbiamo Baschirotto, Pongracic e Touba, con Blin che è adattato. L’entusiasmo è bello che ci sia, ma non si deve trasformare in euforia perché c’è il rischio di perdere di vista l’obiettivo. Il tifoso è giusto che si entusiasmi, noi non perderemo concentrazione per questo motivo. Se siamo a questo punto è perché abbiamo lavorato bene sul campo ed è anche frutto dell’entusiasmo che la gente ci ha trasmesso sin dal primo giorno. Il paragone col Leicester non sta né in cielo, né in terra, perché in Premier League le ultime a inizio campionato, per la costruzione della squadra, percepiscono qualcosa come 120 milioni, non c’è confronto con l’Italia. Abbiamo migliorato molto il numero di duelli difensivi vinti, rispetto alle prime uscite, e ciò è importantissimo per una squadra che si deve salvare, soprattutto se poi si affrontano squadre più forti, come lo è la Juventus, non possiamo pensare di essere più forti di loro. Dobbiamo rispettare l’avversario, ma cercheremo anche di metterlo in difficoltà. con determinazione e voglia, se vogliamo portare a casa un risultato positivo. La formazione? Ci sono più gare ravvicinate, devo pensare a chi è più prestativo, sceglierò in questo modo. Il fatto di essere imbattuti è importante, però, anche se abbiamo meritato questi punti, bisogna considerare che gli episodi possono cambiare le gare e delle volte si può anche essere meno fortunati di come siamo stati noi sino ad oggi. Questi punti sono frutto del lavoro e del percorso fatto e a questo noi dobbiamo pensare”.

I convocati (out il solo Banda):

PORTIERI: Borbei, Brancolini, Falcone;

DIFENSORI: Baschirotto, Dorgu, Gallo, Gendrey, Pongracic, Smajlovic, Touba, Venuti;

CENTROCAMPISTI: Berisha, Blin, Faticanti, Gonzalez, Kaba, Oudin, Rafia, Ramadani, Samek;

ATTACCANTI: Almqvist, Burnete, Corfitzen, Krstovic, Listkowski, Piccoli, Sansone, Strefezza