LECCE – Vendita ai Tesoro, Semeraro chiede e ottiene tempo. Ecco il perché

Ancora un rinvio. L’affare per il passaggio di consegne definitivo tra la famiglia Semeraro e la famiglia Tesoro non ci sarà, almeno per la giornata odierna. Il proprietario uscente ha chiesto all’imprenditore di Spinazzola di rimandare l’incontro ai prossimi giorni, a causa di alcuni impegni di lavoro, con la volontà di ridiscutere alcuni punti del contratto. Non sembra nulla di insormontabile, dato che lo stesso Semeraro ha affermato che in modo o nell’altro si arriverà a un conclusione dell’affare.

Tra i punti da analizzare e rimercanteggiare, ci sarebbero i cinque milioni di euro che i salentini avrebbero dovuto ricevere come paracadute dalla retrocessione dalla Serie A alla Serie B – che pertanto spetterebbero alla gestione Semeraro – denaro che di fatto non è mai giunto nella casse giallorosse, a causa della retrocessione in Lega Pro per illecito sportivo. La società ha comunque fatto ricorso al Tnas – il Tribunale Nazionale per l’Arbitrato Sportivo del Coni – per poter recuperare quella somma.

Articoli Correlati