LECCE – Un terzino dal grande atletismo e una giovane promessa del calcio bulgaro alla corte di Padalino

ciancio tmw.com

Foto: Sulla sinistra, Simone Ciancio (@tuttomercatoweb.com)

La mattinata di oggi ha regalato due nuovi innesti alla rosa di mister Padalino. Simone Ciancio e Antonio Vutov sono infatti dei giocatori del Lecce, anche se la firma dei due ex Cosenza era arrivata già da diverse settimane. Per motivi diversi i due neoarrivati hanno dovuto in ogni caso attendere per essere annunciati ufficialmente, giusto in tempo per radunarsi con il resto della squadra (Ciancio aveva comunque lavorato in piscina già ieri con i compagni) e preparare il ritiro che partirà nel prossimo week-end.

Nato a Cologna Veneta nel 1987, Simone Ciancio è un terzino fisicamente imponente e che può far leva su un grande atletismo. Difensore in grado di giocare su entrambe le fasce (nasce terzino destro), fa del cross con entrambi i piedi una delle sue principali abilità, ma non disdegna qualche incursione nell’area avversaria per creare scompiglio con la sua prestanza fisica e la sua velocità. Cresciuto nel vivaio della Sampdoria, ha fatto il suo esordio tra i professionisti nel 2007/2008 con la maglia del Pizzighettone in Serie C2. Dopo le buone prestazioni in biancoceleste da appena ventenne, viene chiamato dall’Alessandria, con cui somma 88 presenze e 4 reti in tre anni e mezzo. Le buone prestazioni in grigio gli valgono il salto di categoria in Serie B, ed a Cittadella si propone come uno dei prospetti più interessanti sulle corsie difensive. Nel 2013/2014, dopo un anno e mezzo in granata (44 presenze, 2 reti ed altrettante salvezze conquistate) è ancora cadetteria, stavolta con il gialloblù della Juve Stabia. La stagione però è meno fortunata della precedente, e nelle 16 gare disputate non riesce ad evitare alle Vespe l’onta della retrocessione in Lega Pro. A quel punto sceglie anche lui di tornare in terza serie ma cambiando team di appartenenza, optando per l’ambizioso Cosenza. Fortemente voluto dal neo ds giallorosso Meluso, in rossoblù disputa due signori tornei, conditi da 57 presenze e 2 reti. Svincolatosi lo scorso giugno, accetta l’offerta del Lecce per tentare il ritorno in Serie B.

Talento bulgaro classe 1996 (nato a Mezdra, cittadina del nord-ovest), Antonio Vutov arriva in prestito dall’Udinese, club che lo ha portato in Italia e che su di lui ha puntato molto, indicato come uno dei prospetti più interessanti su cui investire per il proprio florido settore giovanile da sempre volto a scovare giovani stelline nel panorama internazionale. Seconda punta mancina, tecnica e duttile (è in grado di ricoprire tutti i ruoli dell’attacco e della trequarti), ha caratteristiche simili al primo Valeri Bojinov, rispetto al quale paga in potenza fisica ma può contare su un piede più educato. Vutov si è messo in mostra appena 16enne nel massimo campionato bulgaro con la maglia del Levski Sofia, realizzando 3 gol in 28 gare disputate tra il 2012 e il 2013. A gennaio 2014 viene acquistato dall’Udinese, che lo inserisce nella squadra Primavera, spesso tuttavia aggregandolo ai “grandi”. Con la squadra giovanile friulana realizza 7 gol in 22 partite, ma non riesce a trovare lo spazio per esordire in Serie A nonostante sia stato convocato in diverse occasioni da Andrea Stramaccioni e, soprattutto, riesca a mettersi in mostra anche con le selezioni bulgare Under 19 e Under 21. Nella scorsa estate arriva la chiamata del Cosenza, che gli offre l’opportunità di essere protagonista in Lega Pro. La sua prima stagione da potenzia titolare in Italia è però più dura del previsto e, pur giocando 22 gare, parte dall’inizio solo in 5 occasioni, realizzando un gol. Ora ha una nuova occasione per far vedere le proprie qualità con il giallorosso del Lecce, voluto ancora una volta da Mauro Meluso la cui fiducia, si spera, possa essere pienamente ripagata dal campo.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati