LECCE – Ufficiale, riecco Gennaro Delvecchio, l’uomo dei ritorni e del plastico balletto

L’U.S. Lecce comunica di aver acquisito, a titolo definitivo, il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Gennaro Delvecchio dal Calcio Catania. Per il centrocampista pugliese si tratta di un ritorno, dopo l’esperienza del campionato 2005/06, con 29 presenze e 4 reti con la maglia giallorossa. [Fonte uslecce.it]

È tornato, proprio come nel suo stile e nella sua storia personale. Gennaro Delvecchio vestirà ancora una volta la maglia del Lecce dopo l’esperienza fatta nella stagione 2005/2006, nella quale collezionò 29 presenze in campionato condite con 4 gol. Il centrocampista di Barletta, 191 centimetri d’altezza per 84 chili di peso, è un mediano tutto corsa e sacrificio, magari sgraziato nella movenze, ma molto deciso negli interventi, migliorato nel corso degli anni in fase realizzativa.

Cresciuto nelle giovanili del Barletta, muove i suoi primi passi a Melfi in Serie D. Dalla stagione 1998/1999 al 2002/2003 fa esperienza in C1 e in C2, spostandosi tra Giulianova, Castrovillari, Catania, Catanzaro e Sambenedettese. Nel 2003/2004 l’approdo in Serie B col Catania, con la quale colleziona 28 presenze e 8 gol. L’anno successivo è a Perugia laddove registra 39 presenze e 6 gol tra Tim Cup e campionato. Dopo la prima esperienza leccese nel 2005/2006, Delvecchio vive il suo momento migliore a Genova con la maglia della Sampdoria con la quale colleziona, dal 2006 al 2009, 109 presenze e 16 gol, gol festeggiati col suo particolarissimo balletto, che lo ha caratterizzato in quegli anni.

L’anno successivo torna a Catania, dove inanella in totale, sino al gennaio 2011, 29 presenze. Nella sessione di mercato invernale dello scorso anno, passa all’Atalanta in Serie B, dove scende in campo 15 volte segnando un gol. Torna a Catania (il terzo ritorno ai piedi dell’Etna), nell’estate 2011, collezionando 13 presenze e un gol. Chiude il suo girovagare per l’Italia, con il secondo ritorno in Salento, nella speranza che possa contribuire alla salvezza giallorossa e mettere in mostra il suo personalissimo e particolarissimo balletto.

Articoli Correlati